Pianta della vela (Senecio articulatus)

Senecio articolatus

Ci sono piante succulente o non cactus che sono davvero curiose: alcune sembrano pietre e altre, come è il caso Senecio articolatus, possono ricordarci le salsicce di verdure. Ed è che i suoi steli sono così, tubolari e sottili.

Vuoi sapere come viene curato? Prossimamente, te lo diciamo.

Origine e caratteristiche

Senecio articolatus

È un succulente erbacee originarie del Sud Africa nota come pianta delle candele che sviluppa steli alti fino a 30 centimetri per circa 1 centimetro di spessore, di colore verde. Le sue foglie verdi sono piccole, lunghe appena 1 centimetro e hanno una forma a freccia. il fiore di Senecio articolatus può essere rosa porpora o bianco, ed emana un aroma poco gradevole.

Il tasso di crescita di questa specie è abbastanza veloce, ma Poiché non ha bisogno di molto spazio, è l'ideale da tenere in vaso per tutta la vita., sia come pianta singola che in composizioni.

Altri nomi con cui è conosciuta la pianta di Senecio sono pianta di candela, cactus di Hot Dog, pianta di salsiccia. Sono nomi che fanno riferimento alla sua forma fisica poiché si tratta di una pianta che sembra crescere come se fosse un rullo o una salsiccia.

A titolo di curiosità, ma anche di avvertimento, dobbiamo dirvi che si tratta di un pianta abbastanza tossica. Si raccomanda, infatti, di maneggiarlo sempre con i guanti e di lavarsi le mani dopo per evitare problemi. Ciò implica che, se avete animali domestici, non è il più adatto da avere, soprattutto se i vostri animali tendono ad avvicinarsi alle piante e/o ad azzannarle.

Quali sono le loro preoccupazioni?

Senecio Cura delle piante

Se desideri averne una copia, ti consigliamo di fornirla con la seguente cura:

Temperatura e posizione

El Senecio articolatus è una pianta che Deve essere fuori, in pieno sole. Nel caso in cui la temperatura scenda sotto gli 0 gradi va protetta all'interno della casa o in serra.

È importante, affinché la pianta si sviluppi correttamente, che passi almeno 6 ore di luce solare diretta. Altrimenti, gli steli potrebbero indebolirsi e persino rompersi sotto il loro peso. In estate, se si abita in una zona molto calda, è preferibile proteggerla nelle ore di maggiore incidenza solare per evitare che le foglie si danneggino o diventino marroni a causa delle scottature.

sottofondo

Si consiglia di riempire il vaso con sabbia di fiume precedentemente lavata, pomice (in vendita qui) o akadama (in vendita qui). L'uso della torba nera potrebbe danneggiarlo, poiché non gli permetterebbe di radicarsi bene.

Una delle caratteristiche indispensabili il terreno che usi è molto leggero e drenante. Poiché a questa pianta non piace troppo l'acqua, assicurati che non ci siano accumuli d'acqua che possano danneggiare le radici.

irrigazione

Circa due volte a settimana in piena estate e una volta ogni 10-15 giorni il resto dell'anno.

Questo dipenderà davvero da dove vivi e dov'è perché Non è una pianta che necessita di molte annaffiature. Solo quando vedi che la terra è asciutta dovresti annaffiare. Tieni presente che tollera la siccità meglio che abusare dell'acqua e allagarla. Pertanto, è meglio aggiungerne una piccola quantità, anche in quel periodo di tempo di cui stiamo parlando, in modo che non assorba molta umidità.

Noterai che la pianta ha bisogno di più acqua se i tronchi o gli steli sembrano troppo verde chiaro o morbidi. Anche se quest'ultimo può influire anche se c'è più umidità. È meglio infilare un dito nel terreno e se noti umidità, non innaffiare. In inverno, molte di queste piante non vengono annaffiate per evitare problemi.

Abbonato

In primavera e in estate con fertilizzanti per cactus e altre piante grasse, seguendo le istruzioni specificate sulla confezione.

Rusticità

Non resiste al freddo. Infatti si dice così la pianta va bene fino a 7 gradi. Non appena il termometro scende, il senecio ne risente. Ecco perché si consiglia di proteggerlo in inverno.

Potatura

Anche se nel caso delle succulente la potatura non è molto comune, in questo caso con la pianta senecio si può effettuarla, sia per svernare, sia per controllarne la crescita (e per inciso avere talee).

Quando tagli, devi fallo sempre dove il gambo è sodo e di solito fatto all'inizio della primavera per favorire la crescita. Tuttavia, anche in autunno, per preparare la pianta, si può tagliare a patto che la pianta (e il taglio) sia protetta dalle basse temperature per evitare malattie o problemi.

Moltiplicazione

Senecio articulatus fiori

La pianta del Senecio è una delle più facili da moltiplicare poiché puoi farlo in diversi modi. Uno dei primi è attraverso i semi. Puoi prenderli dai fiori e devono essere piantati e aspettare che escano. Essendo una pianta a crescita rapida, non devi aspettare molto per vedere i primi germogli, ma è importante mantenere il terreno umido durante quel periodo, poiché per germogliare hanno bisogno di umidità costante e di una temperatura calda per raggiungerlo (altrimenti potrebbero impiegare più tempo o non uscire).

Un altro modo in cui devi moltiplicare la pianta è attraverso le talee. Cioè, tagliando una parte della pianta e piantandola in un vaso con terreno sabbioso poiché è meglio mantenerla umida e sviluppare le radici. Certo, è conveniente che le talee vengano sempre tagliate nella stagione di crescita, che in questa pianta va dall'inizio della primavera all'autunno. In questo modo, ti assicuri di avere più successo.

Infine, un altro dei modi per riprodurre la pianta è dividerla. Cioè, all'inizio della primavera puoi tagliare la pianta in due o più parti e metterle ciascuna in un vaso diverso. È uno dei modi in cui molti devono evitare che la loro crescita sfugga al controllo e allo stesso tempo avere diverse piante che si comporteranno allo stesso modo. È importante controllare che non ci siano pericoli di gelo in modo che le piante non soffrano. Tieni presente che questo è molto stressante e influenzerà un po' la tua salute, quindi assicurati di tempo e temperatura.

Parassiti e malattie

Un altro punto importante nella cura della pianta del senecio sono i parassiti e le malattie. Anche se stiamo parlando di una succulenta, e così via è abbastanza forte per resistere, la verità è che in termini di parassiti e malattie bisogna stare un po' attenti.

In generale, non lo colpisce quasi per niente, ma sono inclini a essere mangiati dagli insetti e dai conigli. Per evitarlo, basterebbe buttarci sopra del liquido o spray che non sia stato piacevole e gli eviterai di avvicinarsi.

Altri parassiti di cui essere a conoscenza sono cocciniglie, che ti influenzano.

In termini di malattie, una delle più importanti è botrite. Si tratta di una muffa grigia che può diffondersi nella peste provocando necrosi. Normalmente inizia nella zona dei fiori e delle foglie, e poco a poco raggiunge i boccioli, i germogli, il gambo... Non è facile distinguerlo perché molte volte si pensa che sia qualcosa di naturale proveniente da parti invecchiate del pianta, ma può ucciderla.

La soluzione a questo problema è rimuovere le parti interessate e applicare un rimedio a quelle rimaste per cercare di evitare che si diffonda ulteriormente. I più consigliati sono i fungicidi del latte, l'olio di neem e il bicarbonato o la purina di ortica e/o equiseto.

Problemi di irrigazione, illuminazione e temperatura possono anche influire negativamente sulla salute della pianta del Senecio.

Cosa ne pensate di questa curiosa succulenta?


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Judith suddetto

    Grazie per l'eccellente informazione.

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Grazie mille.