Afide

L'afide raggiunge la dimensione del parassita in pochi giorni

El afide è uno dei parassiti che più frequentemente provoca danni alle piante (se non di più). Ama gli ambienti caldi, e se i raccolti hanno sete ... se ne andranno senza pensaci due volte.

Anche la sua moltiplicazione è molto veloce, al punto che un giorno vedi un solo esemplare, e dopo due settimane hai già una piaga significativa. Ma non preoccuparti di cosa può essere evitato. Ti diciamo come 🙂.

Di cosa si tratta?

Gli afidi sono parassiti molto dannosi per le piante

Afide È un insetto che emittere appartenente alla famiglia Aphididae (afidi o afidi), che è composta da 4700 specie descritte. Ha avuto origine molto tempo fa, nel Cretaceo, 100 milioni di anni fa, ed è così ben adattato che continuerà sicuramente ad esistere per sempre.

Caratteristiche

È un insetto piccolo, quasi minuscolo, che misura non più di pochi millimetri e con un corpo che di solito è verde, giallo o marrone, ma può anche essere nero. È di forma ovoidale e la testa, il torace e l'addome sono apparentemente indistinguibili. A seconda della specie, avrà o non avrà le ali; nel primo caso saranno ali membranose, trasparenti e generalmente con una macchia.

Verso la fine dell'addome presenta due sifoni che sono appendici erette attraverso le quali versano sostanze repellenti dai loro predatori naturali. Attraverso l'ano secerne una sostanza zuccherina prodotta dalla digestione che attira le formiche, con le quali ha instaurato un rapporto simbiotico di cui beneficiano entrambe (le mantiene nutrite mentre si occupano di proteggerlo).

Tipi di afidi

L'afide colpisce tutte le piante

Gli afidi sono classificati in base alla loro pianta ospite o al loro modo di riprodursi:

  • Secondo la pianta ospite:
    • Monoecie: sono quelle che vivono solo su una pianta.
    • Eterezie: sono quelle che si alternano.
  • Secondo il suo modo di riproduzione:
    • Vivipari: sono loro che "partoriscono" per vivere giovani.
    • Ovipari: sono quelli che depongono le uova. Questi trascorrono l'inverno come le uova e quelli che vedono la luce in primavera. Si dice che abbiano un ciclo di vita olociclico.

Ciclo biologico

Specie monoica e con cicli olociclici

Queste specie di afidi vivono sempre sulla stessa pianta e producono una generazione sessuata, che appare in primavera, e asessuata, che appare più tardi in autunno.

Specie eterocitiche e con cicli olociclici

Queste generazioni di afidi iniziano con la schiusa delle uova in primavera che sono state depositate da una femmina su una certa pianta. Quindi, questi migrano verso altri ospiti, dove daranno origine a una piaga diversa dalla prima in autunno.

Quali sintomi e danni provoca alle piante?

L'afide si nutre della linfa delle piante

L'afide, essendo un insetto che si nutre della linfa di foglie, boccioli di fiori e rami teneri, può causare seri problemi alle colture e alle piante in genere. Inoltre, la melata secreta attira le formiche, che fungendo da scudo protettivo le permette di moltiplicarsi rapidamente. Così che, i sintomi e il danno che provoca sono:

  • Debolezza generale
  • Appassimento delle foglie
  • Rallentamento o sospensione della crescita
  • Sguardo triste

Perché influisce sui miei raccolti?

Gli afidi sono parassiti opportunisti che non esitano ad approfittare del minimo segno di debolezza delle piante per indebolirli. Così, l'eccesso o la mancanza di irrigazione, la mancanza di nutrienti, le alte temperature e / o un ambiente secco sono i motivi per cui non avremo altra scelta che trattarli, poiché altrimenti se la peste avanza potremmo trovarci nella situazione di finire per gettarli nel cumulo di composta. E credimi, non è un'esperienza piacevole, diciamo.

Come eliminare gli afidi?

Rimedi domestici

La coccinella è un nemico naturale degli afidi

Sono particolarmente efficaci sia per prevenire che quando la peste non è ancora molto avanzata, cioè abbiamo gli afidi ma ce ne sono pochi:

  • Piante repellenti: come la ortica, la lupino, la caprifoglio o alla digitale. Bello, facile da curare e protettivo contro gli afidi, cosa si può chiedere di più? 😉
  • Infuso di ortica: prendiamo 500 grammi di ortiche fresche e le mettiamo in un secchio da 5l con acqua. Quindi, copriamo detto contenitore con una plastica e stiamo mescolando. Quando è decomposto, lo coliamo e lo lasciamo riposare dalle 12 alle 24 ore.
  • Nemici naturali: la coccinella è una divoratrice di afidi, ma anche di merletti e vespe. Non dubitare pianta fiori che li attraggono.
  • Acqua e alcool della farmacia: con un pennello imbevuto di acqua e alcool puliamo le piante di afidi. Naturalmente, questo è possibile solo se la pianta è piccola.
  • Potatura: se il parassita colpisce solo una parte specifica, come i boccioli dei fiori, quello che possiamo fare è tagliare questi boccioli. Quindi cospargiamo di farina fossile (in vendita qui) e pronto.
  • Trappole adesive gialle: Si tratta di trappole posizionate vicino a piante che attirano afidi e altri parassiti, come le mosche bianche. Sono venduti qui.

Rimedi chimici contro gli afidi

Quando la peste è molto avanzata, dovremo usare insetticidi specifici, seguendo alla lettera le istruzioni riportate sulla confezione.

Spero che tu abbia imparato molto su questi insetti 🙂.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.