Alocasia odorosa

L'alocasia odora è una pianta che ha foglie grandi

Immagine - Wikimedia / Σ64

La Alocasia odorosa È una pianta con foglie grandi e un po 'coriacee che staranno benissimo sul tuo giardino tropicale. È anche molto interessante decorare gli interni, poiché si adatta ragionevolmente bene a vivere nelle condizioni.

Certo, devi tenere presente che per sembrare bello, deve avere spazio, poiché sebbene le sue radici non siano affatto invasive, ci vuole una certa altezza.

Origine e caratteristiche di Alocasia odorosa

È una pianta rizomatosa nota come orecchio di elefante gigante o taro asiatico (o taro asiatico) originario dell'Asia orientale e sud-orientale; in particolare cresce nelle umide foreste tropicali di Giappone, Cina, Indocina, Borneo, Bangladesh e Taiwan. Raggiunge un'altezza di circa due metri e può raggiungere i 2,5 metri.

Le foglie sono grandi, ovate, verdi e un po 'coriacee. Questi sono tenuti attaccati alla pianta da un picciolo lungo tra 0,3 e 1 metro. I suoi fiori spuntano tra il fogliame, e sono raggruppati in un'infiorescenza spadice -una specie di spiga- protetta da una spata -foglia modificata-.

Come tutte le specie di Alocasia è tossico. Sia le sue foglie che il rizoma contengono cristalli di ossalato di calcio, che possono causare gravi problemi gastrointestinali se consumati, e soprattutto se consumati freschi o poco cotti.

Come ti prendi cura di te stesso?

Goditi un Alocasia odorosa non è difficile. Ora che sai che non deve essere consumato, è tempo di scoprire quali cure è consigliabile dargli affinché cresca bene. Perché sì, puoi davvero divertirti.

È molto carino e sta bene in ogni angolo. Sebbene possa essere tossico, ciò non significa che debba essere bandito o gettato via. Se hai bambini e / o animali domestici, è consigliabile tenerlo fuori dalla loro portata, ma nient'altro.

Detto questo, vediamo come prendersene cura:

Posizione

  • Interno: All'interno della casa, deve essere posizionato in una stanza con molta luce solare, con un umidificatore o con un contenitore pieno d'acqua intorno. Allo stesso modo, è importante che sia tenuto lontano dalle correnti d'aria, come quelle che provengono dall'aria condizionata e dal ventilatore, e dai passaggi.
  • Esterno: in semiombra. Non deve mai risplendere direttamente nel sole. Se ce l'hai in giardino, è una buona idea metterlo sotto i rami di un albero grande e frondoso.

irrigazione

L'alocasia odora è una pianta resistente al gelo

Immagine - Flickr / Jungle Rebel

Richiede annaffiature frequenti, poiché non supporta la siccità. La frequenza sarà determinata soprattutto dal clima e dalla posizione, quindi l'ideale è controllare l'umidità del substrato o del terreno in caso di dubbi.

Ad ogni modo, per darti un'idea, coltivando a Alocasia odorosa all'aperto in un clima mediterraneo, con temperature massime di 38ºC e minime fino a -2ºC, e con pochissime piogge concentrate solo in pochi giorni di primavera e poche altre a fine estate e autunno, viene annaffiata da 4 a 5 volte una settimana durante i mesi più caldi e il resto circa 2 a settimana.

Se piove più frequentemente nella tua zona, non dovrai annaffiare tanto quanto l'acqua piovana la manterrà idratata. E se lo hai in casa, non sarà necessario inumidire il supporto così spesso, poiché all'interno della casa ci vuole più tempo per asciugare.

Terra

  • Vaso di fiori: mescolare il pacciame con il 30% di perlite o pomice.
  • Giardino: il terreno del giardino deve essere ricco di sostanza organica, con un buon drenaggio dell'acqua.

Abbonato

Si consiglia vivamente di concimarlo una volta ogni 15 giorni dalla primavera all'estate con un concime liquido per piante verdi (in vendita qui).

Parassiti e malattie

È difficile da avere. L'eccessiva idratazione può portare a un'infezione da lievito.

Moltiplicazione

La Alocasia odorosa si moltiplica per semi, ventose e per divisione del rizoma in primavera.

Tempo di semina o trapianto

Cresce a un buon ritmo; infatti in climi caldi senza gelate o molto deboli è normale che cresca di circa 20-30 centimetri all'anno. Di conseguenza, Si consiglia di piantarlo in giardino non appena la temperatura minima supera i 15ºC.. In questo modo, appena uscito dal riposo invernale, riprenderà la sua rapida crescita.

In caso di coltivazione in vaso, dovresti piantarlo in uno più grande ogni 3-4 anni circa. È importante sceglierne uno che abbia dei buchi nella sua base; altrimenti l'acqua di irrigazione rimarrà stagnante all'interno e le sue radici marciranno.

Potatura

L'alocasia odora è una pianta a foglia larga

Immagine - Wikimedia / KENPEI

Non c'è bisogno di potare. Tutto quello che devi fare è tagliare le foglie secche ogni volta che è necessario. Ma sì, usa guanti di gomma, soprattutto se hai una ferita o un taglio (anche minuscolo) sulle mani, poiché il lattice che contiene può causare irritazione se viene a contatto con la pelle.

Rusticità

Il rizoma supporta gelate fino a -10 ° C, ma la parte aerea, cioè il fusto e le foglie, iniziano a diventare bruttine non appena la temperatura scende sotto i 10 ° C.

A cosa hai pensato Alocasia odorosa?


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Raul suddetto

    Ho avuto un Alocasia odora in vaso al chiuso per poco più di un anno. È cresciuto da circa otto pollici che era quando mi è stato dato a circa un piede e quattordici pollici che è ora. Il fatto è che non riesco a fargli avere più di tre fogli. Ogni volta che ne tiri fuori una nuova, la foglia più vecchia (quella più lontana all'esterno) inizia a ingiallire finché non si asciuga e devo potarla. È normale che non riceva più di tre o foglie o sto facendo qualcosa di sbagliato? Grazie in anticipo.

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Raul.

      Hai cambiato la pentola? È che da quello che conti sembra che abbia esaurito lo spazio.
      Guarda per vedere se le radici sporgono o spuntano dai buchi.

      Ora in primavera è un buon momento per piantarlo in un vaso più grande.

      Se hai dubbi, faccelo sapere. Saluti!

      1.    Raul suddetto

        Ciao Monica.

        Sì, l'ho cambiato in un vaso più grande a metà settembre dello scorso anno. Le misure del vaso in cui si trova sono 27 cm di diametro interno superiore, 22 cm di diametro inferiore e 26 cm di altezza. Nessuna radice esce dai fori sotto il vaso, ma due radici escono dalla parte superiore del substrato (una su ciascun lato del gambo della pianta).

        Quindi mi stai chiedendo un piatto più grande? Consiglia una taglia specifica? Qualche consiglio in particolare durante il trapianto? Igiene delle radici o qualcosa del genere?

        Grazie mille!

        1.    Monica Sanchez suddetto

          Ciao di nuovo.

          Le alocasie hanno radici che si sviluppano abbastanza rapidamente. Ma quel piatto deve andare bene per una stagione.

          Pertanto, piuttosto che trapiantarlo, quello che consiglio è di iniziare a concimarlo ora con l'arrivo della primavera. Un fertilizzante per piante verdi aiuterà a produrre più foglie (e anche a crescere più velocemente, quindi quando passa l'estate è interessante vedere se ha radici che sporgono dai buchi).

          Saluti!