Broccoli (Brassica oleracea var. Italica)

bouquet di broccoli verdi

I broccoli sono una specie di fiore commestibile della pianta erbacea Brassica oleracea L., One Varietà italica e appartenente alla famiglia delle Crocifere. Sono anche conosciuti con il nome di cavolo broccolo, poiché appartengono alla categoria omonima. Questo ortaggio è originario dell'Asia Minore, ma fin dalla sua importazione è stato oggetto di coltivazione greca e italica (soprattutto al sud) e fin dall'antichità. Il broccolo ha un sapore delicato ma non particolarmente strutturato ed è compreso nelle verdure raramente accettate dai più piccoli della casa.

Coltiva i broccoli

bouquet di broccoli verdi

Il broccolo è facile da coltivare sia in campo che in pezzi di terra, purché prestato particolare attenzione alla concimazione del suolo. I broccoli sono grandi sfruttatori della terra e come tali necessitano di un ingrasso precoce del terreno (in autunno con letame maturo o concime secco) e di altre produzioni contemporanee (con farina di roccia).

semina

Piantare si svolge negli ultimi giorni di aprile e in maggio / giugno e le piante vanno poste in un letto di semina (separate l'una dall'altra con una distanza di 50 cm.), possono anche essere unite al sedano.

La redditività dei broccoli è buona, perché anche dopo che il fiore è stato tagliato, la pianta (vicino alla zona fogliare) continua a produrlo per tutta la stagione calda (da luglio a ottobre ea seconda della qualità o della tipologia) e fino alla stagione freddaalcuni tipi resistono anche a temperature inferiori allo 0). I fiori di broccolo vanno separati o meglio tagliati, con circa 8-10 cm di gambo.

Qualità

I broccoli di qualità devono soddisfare alcuni criteri visivi, come NON avere infiorescenza, densità, colore brillante (verde e non giallo), foglie verdi turgide (non gialle e appassite) e gambo intatto (tenero e non legnoso). Se il broccolo soddisfa queste caratteristiche, Oltre ad essere un ottimo ortaggio da cucina, è anche un ottimo ortaggio a crudo. Altre preparazioni che si possono fare sono bollite, gratinate al forno, saltate in padella, come contorno, nel minestrone, ecc.

Caratteristiche nutrizionali

I broccoli sono un ortaggio che appartiene al gruppo alimentare VI e VII, da allora contiene elevate quantità di vitamina C (acido ascorbico) e β-carotene. In virtù di queste caratteristiche, oltre che del relativo contenuto di sostanze fenoliche (polifenoli), sulforafano (sostanza genericamente benefica per il nostro organismo, antietà e altamente antiossidante) e clorofilla (antiossidante), questo diventa un alimento che possiede caratteristiche antitumorali .

Dal punto di vista salino, i broccoli forniscono eccellenti quantità di magnesio, fosforo e ferro, sebbene quest'ultimo in una forma scarsamente biodisponibile. È anche un'ottima fonte di fibra alimentare, molto utile per aumentare la sazietà, per prevenire e ridurre i sintomi della stitichezza, per modulare l'assorbimento del glucosio, come prebiotico, e per ridurre l'assorbimento del colesterolo.

La fibra di broccoli è particolarmente efficace quando cotta e mescolata nella preparazione di zuppe con un brodo di tipo vellutato, in questo modo è possibile abbattere e parzialmente diluire la fibra viscosa, amplificando l'effetto benefico all'interno del tratto digerente. Dal punto di vista energetico ha una densità calorica compresa tra 20 e 30 kcal / 100 g; le proteine ​​hanno un basso valore biologico e svolgono qualitativamente un ruolo marginale, i grassi sono quantitativamente scarsi (anche se prevalentemente insaturi) ei carboidrati sono di tipo monosaccaride.

Purtroppo i broccoli sono anche ricchi di purine, caratteristica che li ESCLUDE TOTALMENTE dal dieta per iperuricemia o gotta. Non vi è alcun dibattito sulla contaminazione da nitrati (sostanze che possono essere convertite in metaboliti tossici: nitriti e nitrosammine. Anche se ad essere onesti, il broccolo non è una delle verdure che ha più nitrati, essendo quelle che contengono più lattuga, cavoli, crescione, bietola, ravanelli, rafano, rabarbaro, rapa, spinaci, cime di rapa, indivia, finocchio, cavolo nero, sedano, cavolo cappuccio bianco, cavolo riccio e zucchine.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.