Calluna vulgaris, la pianta dai bellissimi fiori che rallegra l'inverno

Calluna volgare

Hai mai sentito parlare di Calluna vulgaris? Ce l'hai in casa? È una delle piante che arricchisce maggiormente l'autunno e l'inverno perché fiorisce da metà estate e dura a lungo, a volte fino a gennaio o febbraio.

Ma cosa sai di questa pianta? Presentiamo qui un guida pratica per conoscerla al meglio. Continua a leggere e scoprilo!

Come sta la Calluna vulgaris

pianta dalle proprietà medicinali

Calluna vulgaris è il nome scientifico dell'erica comune., chiamato anche erica. Fa parte della famiglia delle Ericaceae, anche se non va confusa con l'Erica (cosa che spesso accade).

Fisicamente, Calluna vulgaris è un arbusto sempreverde. La sua origine è in Europa, soprattutto nel Nord e nella parte centrale. Anche se la verità è che ora si può trovare anche in Nord Africa oltre che in America.

Può raggiungere tra i 30 e i 50 centimetri di altezza. e nel suo habitat naturale lo si può trovare in zone con poca insolazione così come nelle radure dei boschi. È comune trovarsi in zone montuose.

Per quanto riguarda i rami, questi saranno eretti e di colore rosso-marrone. Ha foglie piccolissime e tanti piccoli fiori che, quando arriva agosto, cominciano a sbocciare a grappoli di colore rosa porpora. Infatti, arriva un momento in cui difficilmente vedrai le foglie, ma solo i fiori.

Devi sapere che la Calluna vulgaris è una pianta che attira sia le api che i bombi e le farfalle, nutrendosi della pianta e aiutandole a impollinare i fiori.

Inoltre, Non è velenoso per l'uomo, né per cani o gatti., con la quale non avrai alcun problema ad averla in giardino o in terrazzo.

Calluna vulgaris cura

pianta che prospera in estate

Ora che sai qualcosa di più su Calluna vulgaris, Che ne dici se ti aiutiamo a scoprire le cure di cui la pianta ha bisogno? Sono facili da seguire quindi non ti darà molti problemi:

Posizione e temperatura

La calluna è una pianta che ha bisogno del sole. Se è diretto, meglio. Ma se la pianta è molto giovane, potrebbe non riuscire a stare al sole diretto, ed è meglio stare in mezz'ombra per evitare di bruciare le foglie e i boccioli dei fiori. Quando è più acclimatato, puoi lasciarlo al sole senza alcun problema.

Per quanto riguarda la temperatura, devi sapere che la calluna è una pianta che resiste al freddo. Ma se è il primo inverno che si trascorre in casa, è consigliato proteggerlo in modo che non venga compromessa la resistenza al clima della propria abitazione. Da quell'anno non avrai più problemi.

sottofondo

Il terreno ideale per Calluna vulgaris è quello acido. Ora, non dovresti solo riempire il vaso o il luogo in cui lo pianterai con terreno acido e basta. Si consiglia di mescolarlo con un po' di argilla espansa frantumata e perlite, che fornirà un drenaggio sufficiente per avere un terreno leggero.

irrigazione

Se hai la calluna in vaso, come se la avessi nel terreno, dovrai annaffiarla regolarmente perché ama avere il terreno umido. Certo, prova a usare l'acqua piovana o senza calce, perché se ha la cosa più normale, la influenzerà negativamente.

Non possiamo dirti con certezza quante volte alla settimana dovresti innaffiarlo, perché questo dipenderà dal clima che hai. Ma minimo in estate 2-3 volte a settimana.

Abbonato

In primavera Calluna vulgaris potrebbe aver bisogno di qualche concimazione. Certo, tieni presente che a loro piacciono i substrati acidi, quindi il fertilizzante deve essere adattato ad esso. E se possibile è ricco di azoto e potassio.

Potatura

Sapevi che la Calluna vulgaris va potata? È un'attività obbligatoria per rimanere in buona salute. Questo va fatto nei mesi di marzo e aprile, possibilmente in giornate nuvolose. Quello che dovresti fare è tagliare almeno a metà (non aver paura di tagliare i nuovi germogli).

Moltiplicazione

La riproduzione della Calluna vulgaris può avvenire per stratificazione. Cioè premere il germoglio (dove sta con la pianta madre, ricoprirlo di terra e farlo così radicare in se stesso, in modo che ne esca una nuova pianta. In questo modo, in primavera (questo va fatto in autunno) l'avrete già ben radicata e potrete tagliarla dalla pianta madre e metterla a parte in un altro vaso.

Utilizza

pianta che si conserva in inverno

Infine, vogliamo parlarvi degli usi che ha Calluna vulgaris. Tradizionalmente la calluna veniva usata come scopa. Ed è che fasci di erica erano legati a un manico in modo tale da avere una spessa scopa per poter spazzare. Per darvi un'idea, si dice che pensare alle scope delle streghe fosse piuttosto pensare a quel tipo di scopa che si faceva con la pianta.

Altri usi che l'erica ha avuto sono stati per tingere il legno e conciare la pelle. Tuttavia, l'uso più prezioso che ancora resiste è il "miele di erica". Si ottiene alla fine dell'estate, quando le api mellifere prendono il nettare dei fiori di calluna e producono un miele molto particolare.

Un altro degli usi che ha Calluna vulgaris è quello di servire come cibo. Sia le pecore che i cervi di solito mangiano le punte, anche se in alcuni casi anche i semi. Non solo questi animali, ma anche alcuni tipi di farfalle si nutrono della pianta.

A livello medico dobbiamo dirvelo Calluna vulgaris è stata utilizzata fin dal XIX secolo per curare le malattie delle vie respiratorie e delle vie urinarie. Entrambi tramite infusi.

Ma lo è anche può essere utilizzato per migliorare le irritazioni della pelle. È un astringente e un antisettico intestinale, ma è utilizzato anche in omeopatia e agisce come sedativo del sistema nervoso centrale.

Ora che ne sai di più su Calluna vulgaris, hai il coraggio di averla nel tuo giardino o terrazzo?


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.