Gibbaeum, una graziosa piccola pianta succulenta

Gibbeo dispar

Di tanto in tanto ci piace presentarti una pianta insolita, che attira l'attenzione per un motivo o per l'altro. Nel caso del nostro protagonista si tratta di una di quelle piantine che vanno tenute in vaso, altrimenti molto probabilmente andrà persa. Il suo nome è Gibbeo, e supera a malapena i 5 centimetri di altezza.

Originario del Sud Africa, cresce in luoghi dove le precipitazioni sono molto scarse, quindi resiste abbastanza bene alla siccità. Ti piacerebbe conoscerla meglio? Andiamo la.

Caratteristiche della pianta Gibbaeum

Gibbeo petrense

Il genere a cui appartiene, Gibbaeum, comprende un totale di 21 specie che Sono caratterizzati dall'avere due foglie carnose unite insieme di colore verde o grigio-verde-bianco.. Di solito hanno tra 4 e 15 foglie, che si sviluppano principalmente verso il bordo esterno.

I fiori, che sbocciano in estate, ricordano molto le margherite, ma i petali sono molto più sottili e sono gialli, bianchi o viola-rosati. A differenza di altre piante, come la Fenestraria, rimane sempre scoperta.

Come ti prendi cura di te stesso?

Gibbaeum Heathii

Se hai il coraggio di avere una o più copie, di seguito hai la sua guida alla cura:

  • Posizione: posizionalo in una zona esposta alla luce solare diretta, idealmente per tutto il giorno.
  • sottofondo: per evitare la decomposizione, si consiglia vivamente di utilizzare substrati sabbiosi, come akadama, pomx o sabbia di fiume.
  • irrigazione: moderato in estate, un po 'scarso il resto dell'anno. In caso di dubbio, prendi la pentola una volta che è stata annaffiata e di nuovo dopo alcuni giorni, così saprai più o meno quanto pesa ogni volta, il che ti aiuterà a sapere quando innaffiare.
  • Abbonato: Durante i mesi primaverili ed estivi va pagato con concimi minerali, tipo Nitrofoska, aggiungendone un cucchiaino ogni 15 giorni.
  • trapianto: essendo una pianta piccola basterà trapiantarla appena la si acquista, in primavera o in estate. Quindi con una fertilizzazione regolare puoi rimanere sano e forte.
  • Moltiplicazione: per seme e talea in primavera-estate.
  • Rusticità: è molto sensibile al freddo. Proteggere nel caso in cui la temperatura scenda al di sotto di 5ºC.

Hai sentito parlare di questa succulenta?


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Angel suddetto

    Ciao Monica,

    Congratulazioni per il tuo post.

    Amo le piante grasse e le piante grasse. In questo caso, ho comprato questa bellezza, ma un mese dopo averla ha iniziato a rughe. Quindi non sapevo se fosse per mancanza di acqua o per mancanza di acqua. Dato che questo autunno è così caldo (sono a Madrid) non so cosa fare….

    L'ho annaffiato molto poco, perché è così che ho capito che era una sua cura ...

    Cosa mi consigliate?

    Grazie mille.

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Angelo.
      Ti consiglio di metterlo in un luogo dove riceva la luce solare diretta (o una zona molto luminosa, almeno 🙂), e di annaffiarlo ora in autunno e in inverno una volta alla settimana.
      Se hai un piatto sotto, rimuovi l'acqua in eccesso dieci minuti dopo l'irrigazione.
      Se hai dubbi, faccelo sapere.
      Saluti.