Carciofo: guida alla coltivazione

I carciofi sono molto facili da curare

La carciofo È la pianta tipica che cresce quasi ovunque senza bisogno di molta acqua, e ha anche proprietà medicinali molto interessanti. Inoltre, se vuoi avere un sistema immunitario forte, ti consiglio di procurarti alcuni semi o piantine e procedere alla loro coltivazione.

Non hai idea di come farlo? Non preoccuparti: per quello hai questo guida completa in cui ti racconterò tutto su questa pianta.

Origine e caratteristiche

Vista della pianta del carciofo o Cynara scolymus

Il nostro protagonista, chiamato carciofo, carciofo o carciofo, e il cui nome scientifico è Cynara scolymus, è una pianta erbacea originaria del Mediterraneo occidentale. Raggiunge un'altezza da 1,4 a 2 metri. Forma una rosetta di foglie intere a profondamente segmentate e con poche o nessuna spina che spuntano da un unico fusto. Questi sono di colore verde chiaro nella parte superiore e con peli biancastri nella parte inferiore.

In primavera spuntano teste ricoperte da numerose brattee - foglie modificate che proteggono i fiori - di colore lilla.

Varietà principali

Sono i seguenti:

  • Blanca di Tudela: è una varietà allungata di colore verde e di piccola pezzatura.
  • Espinosa: le brattee sono spinose. Può essere consumato crudo.
  • Romanesco: è una varietà spessa, tonda e viola.
  • spagnolo: produce numerosi germogli basali. È bianco, con una testa più piccola.
  • Viola di Provenza: è molto piccolo e ha una forma conica. Le sue brattee sono violacee. Può essere consumato crudo quando non è ancora completamente maturo.

Coltivazione e cura

Il fiore del carciofo è il lilla

Se vuoi coltivare il carciofo, allora ti spiego come:

semina

I semi vengono seminate in primavera, ed è fatto come segue:

  1. Innanzitutto, viene riempito un vassoio per piantine (puoi ottenerlo qui) con substrato per piantine (come è).
  2. In secondo luogo, viene annaffiato e vengono posizionati un massimo di due semi per ogni presa.
  3. In terzo luogo, vengono ricoperti con un sottile strato di substrato e annaffiati di nuovo, questa volta con uno spruzzatore.
  4. In quarto luogo, la piantina viene posta in un vassoio di plastica, all'esterno in pieno sole.
  5. Quinto, ogni 2 giorni viene annaffiato - versando l'acqua nel vassoio.

Così, germoglierà nei prossimi 7-14 giorni.

piantagione

Quando le piantine sono alte circa 5-10 cm, sarà ora di passarli in giardino:

  1. Prima di tutto, devi preparare il terreno: rimuovere le erbe selvatiche, concimare con guano (o un altro fertilizzante organico come il letame di vacca) e installare il sistema di irrigazione a goccia.
  2. Quindi, devi creare i solchi, lasciando una distanza di circa 120 cm tra di loro.
  3. Quindi le piantine vengono piantate in modo che siano a circa 90 cm di distanza.
  4. Infine, viene avviato il sistema di irrigazione.

Manutenzione

Ora che li hai piantati, devi prenderti cura di loro. Per questo devi fare quanto segue:

  • Innaffia 2-3 volte a settimana in estate. Il resto dell'anno non avrà importanza annaffiare così spesso.
  • Fertilizzare almeno una volta al mese (massimo ogni 15 giorni) con un concime organico.
  • Rimuovi le erbe che crescono.
  • Dopo la raccolta, e quando iniziano ad appassire, devono essere potate drasticamente in quanto ciò favorirà la produzione di polloni nella prossima stagione.

Parassiti e malattie

Afidi verdi, uno dei parassiti che le piante possono avere

parassiti

  • afidi: sono parassiti di circa 0,5 cm che si nutrono delle cellule delle foglie e delle radici. Possono essere controllati con trappole adesive gialle (puoi ottenerle qui).
  • molluschi- Le lumache e le lumache possono creare scompiglio mangiando le foglie. Possono essere combattuti con i molluschicidi, ma se hai animali domestici è meglio usarli rimedi casalinghi.
  • Carciofo trapano: è un lepidottero che scava gallerie nel fusto, causando problemi alla pianta. Si combatte con Bacillus thuringiensis (puoi acquistarlo Nessun prodotto trovato.).
  • whitefly: è un parassita di colore bianco con ali che misura circa 0,5 cm che si nutre anche delle cellule delle foglie. Può essere combattuto con la trappola adesiva gialla.

Malattie

  • Muffa: è un fungo che provoca la comparsa di una polvere bianca su foglie, steli e frutti. È combattuto con fungicidi naturali (puoi acquistare qui).
  • Muffa polverosa: è un fungo che provoca la comparsa di una muffa grigia sulle foglie. È anche combattuto con fungicidi.
  • Botrytis: è un fungo che provoca marciume del fusto e delle radici. Si combatte con fungicida, sebbene sia anche necessario ridurre i rischi.
  • Virosi: sono virus che provocano la comparsa di mosaici sulle foglie e sul frutto. Non esiste una cura.

pick-up

Il tempo del raccolto inizia in autunno (a partire da novembre nell'emisfero settentrionale) fino alla fine dell'inverno / primavera. Quello che si fa è tagliare 8-10 cm di stelo floreale, dal secondo anno dopo la semina.

Moltiplicazione

Oltre ai semi, puoi avere i carciofi in altri modi: dai bambini, che devono essere separati prima che lo stelo del fiore cresca; Y per divisione delle uccisioni. Per questi ultimi si fa, all'inizio della primavera, sospendere l'irrigazione e tagliare la pianta a circa 25 cm da terra, lasciando il rizoma e alcuni rami. Quindi, viene diviso in 4 con un pezzo di rizoma e le gemme e piantato in altre aree.

Rusticità

La sua gamma di temperatura adatta è compresa tra 7 e 29 ° C, ma supporta fino a -6ºC minimo e fino a 38-40ºC massimo.

Quali usi ha?

Piatto a base di carciofi: lo spiedino di polpo con pezzi di carciofo

Culinario

Carciofi possono essere consumati in umido o cottie alcune varietà grezze. La frequenza ideale è 2-3 volte a settimana. Il suo valore nutritivo è il seguente:

  • Acqua: 88%
  • Carboidrati: 7,5% (fibra 3,5%)
  • Proteine: 2,3%
  • Lipidi: 0,1%
  • Potassio: 570 mg / 100 g
  • Sodio: 35 mg / 100 g
  • Fosforo: 80 mg / 100 g
  • Calcio: 45 mg / 100 g
  • Vitamina C: 9 mg / 100 g
  • Vitamina A: 17 microgrammi / 100 g
  • Vitamina B1: 0,1 mg / 100 g

Medicinale

Ha molti usi medicinali, che sono:

  • Aiuta a rigenerare il fegato: all'acqua che usiamo per cuocerli, aggiungiamo un succo di limone. Quindi, dovremo prenderlo solo dopo i pasti.
  • Ci aiuta a perdere peso: Grazie alle sue proprietà diuretiche e depurative, prendendo gli infusi riusciamo a recuperare il nostro peso.
  • Prenditi cura del tratto intestinale: evitando (o curando) la stitichezza. Per questo basterà lessare un paio di carciofi al vapore e assaggiarli.
  • Ci dà energia: se di solito ci sentiamo stanchi è probabilmente perché ci manca il carciofo 😉. Quindi devi includerli nella dieta.
  • Tratta il mal di testa: per il mal di testa non c'è niente di meglio che prendere infusi di carciofi.

Il carciofo è un ortaggio facile da curare

È stato interessante per te?


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Silvano Montes suddetto

    Circa un anno fa ho acquistato due buste con semi di carciofo, di marchi noti, le ho piantate e trapiantate e ora ho i carciofi con PINCHOS, anche molto alti, non arrivo in cima (Ora, perché li ho potati drasticamente)
    E vai agli spiedini, ovviamente non possono essere sbucciati a mano, e non solo la frutta, ma anche i rami sono pieni di spiedini. Chissà se è una varietà di carciofi o mi sono stati dati i cardi per i carciofi. Io non capisco niente. Qualcuno potrebbe dirmi cosa potrebbe essere successo?

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Silvino.

      Alcuni carciofi hanno le spine, ma non tante quanto il cardo. Se vuoi mandaci una foto al ns facebook e lo vediamo.

      Saluti.