Coltivazione di patate dolci

coltivazione della patata dolce

Sei un amante della patata dolce? Non ha molti estimatori, come può succedere con la patata, ma chi la ama sa che può mangiarla solo in un certo periodo. Pertanto, conoscere il coltivazione della patata dolce Può aiutarti a goderti questo cibo più a lungo (che sarà anche meglio se ne prendi cura).

Ma come si coltiva la patata dolce? Cosa c'è da tenere a mente su questo parente stretto del patata? Se stai già pensando alle prelibatezze che puoi mangiare con delle patate dolci nel tuo orto, fai attenzione perché ti spiegheremo tutto.

Quando e come dovrebbero essere piantate le patate dolci

Quando e come dovrebbero essere piantate le patate dolci

Il periodo migliore per piantare patate dolci è senza dubbio la primavera e l'estate. Tra aprile e giugno avviene la prima "posa", per così dire, a piantare. Mentre per agosto e settembre si potrebbe fare una seconda posa.

Sì, hai bisogno di un posto dove il clima sia temperato e tropicale (cioè caldo ma umido). Oltre a tanta luce.

Vi diciamo che anche in inverno si potrebbe piantare ma la coltivazione delle patate dolci non tollera le basse temperature quindi, a meno che non si controlli questo (ad esempio con una serra domestica, si potrebbero averle tutto l'anno.

Una volta piantati, dovrebbero trascorrono dai quattro ai sei mesi per poter raccogliere le patate dolci. E come puoi saperlo? È semplice, la pianta inizia ad ingiallire le foglie e questo indica che il suo frutto è maturo e pronto per essere raccolto.

Coltivazione di patate dolci in vaso

Sebbene non sia normale voler coltivare patate dolci in vaso, può essere il caso, purché le esigenze della pianta siano soddisfatte. Ed è che ha bisogno di una profondità abbastanza grande (qualcosa come quella delle patate) per poter crescere correttamente, senza la necessità di trapiantarle una volta raggiunta l'altezza (30 cm e 6-10 foglie).

Non è consigliabile mettere più piante di patate dolci nello stesso vaso. Se si tiene conto che, a terra, ci deve essere una distanza minima di 80cm tra loro, in vaso sarebbe molto difficile da realizzare, a meno che non ne avessi uno molto lungo e alto.

Cura della coltivazione della patata dolce

Cura della coltivazione della patata dolce

Successivamente ti parleremo di tutti gli aspetti che influenzano la coltivazione delle patate dolci in modo che ti sia chiaro come dovresti procedere, soprattutto se hai il coraggio di piantarne alcune.

Terra

Prima vi abbiamo parlato della sua posizione migliore e che gli piace l'alta temperatura, ma non abbiamo detto nulla sul terreno. La patata dolce necessita di un terreno acido, con un pH compreso tra 4,5 e 7,5. Il tuo ideale sarebbe 6.0, ma sarebbe in quest'ordine.

Ti consigliamo è granuloso, grossolano e sciolto nella consistenza, friabile e, naturalmente, che drena bene.

Devi stare attento con l'azoto nel terreno, poiché può influenzare i tuberi.

Semilla

Uno dei modi più semplici per coltivare patate dolci è procurarsi il seme. Anche se questo può essere complicato perché hai bisogno di una patata dolce. Se lo ottieni, devi lavarlo molto bene e tagliarlo a metà.

Quindi, riempi una ciotola con acqua e mettici dentro la patata dolce tagliata, con il taglio rivolto verso il basso. Per darvi un'idea, l'acqua dovrebbe trovarsi tra 2,5 e 5 cm da terra. Porta la fontana fuori dalla finestra e lascia che le dia aria e luce del sole. Ciò implica che, ogni giorno, dovrai sostituire l'acqua che è evaporata (o anche più volte al giorno).

La La patata dolce spaccata impiegherà 2-4 settimane per mostrare "segni" di evoluzione. Ed è che noterai che i pezzi iniziano a crescere radici così come uno stelo. Devi aspettare che sia qualcosa di più grande, e soprattutto che tu abbia molte radici bianche, per separare quella pianta dalla patata dolce stessa. Prima di metterle a dimora nel terreno dovrete lasciarle in un vaso con acqua, immergendo anche il fusto, almeno 48 ore. Questo aiuterà le radici a moltiplicarsi e rafforzarsi.

Ora sarà pronto per essere piantato.

irrigazione

Come con qualsiasi pianta, innaffiare la patata dolce è una delle chiavi per una coltivazione di successo. Come ti abbiamo detto prima, le patate dolci amano l'umidità. Ed è che ama essere in ambienti con umidità dell'85%. Pertanto, quando si innaffia, è necessario bagnare abbondantemente il terreno, ma senza che si formi una pozzanghera, poiché sarebbe dannoso e marcirebbe le radici.

Un piccolo trucco, che sebbene richieda una maggiore consapevolezza, ti aiuterà a distanziare l'irrigazione durante la giornata. Vale a dire, acqua invece di una, due o tre, con meno quantità, ma riuscendo così a vedere continuamente la terra bagnata senza strafare.

Abbonato

Gli esperti raccomandano che, mentre viene coltivata, non è bene concimare la pianta. Questo di solito viene fatto all'inizio, quando verrà piantato, poiché il terreno è arricchito in modo che la pianta abbia tutti i nutrienti necessari per crescere.

Ma oltre a questo va solo controllato che il terreno sia ricco di potassio e povero di azoto in modo che le patate dolci ingrassino bene.

Parassiti e malattie

Sfortunatamente, la coltivazione della patata dolce ha le sue difficoltà a causa del comparsa di parassiti e malattie comuni. In caso di parassiti, può essere attaccato dal wireworm o dall'orata e dalla ciambella nera.

Le malattie che la patata dolce può soffrire sono il virus, la mummificazione della patata dolce, Fusarium oxysporum o il Backrot della patata dolce.

Come vengono raccolte le patate dolci?

Come vengono raccolte le patate dolci?

Dopo qualche mese (tra 4 e 6) la pianta sarà pronta per essere raccolta. È importante che, 15 giorni prima di farlo, taglia i rami, per evitare che la sua forza ed energia vada ai rami e li concentri su quei "frutti". Trascorso questo tempo, puoi estrarre la pianta e iniziare a raccogliere le patate dolci. A seconda di quanto è diventato grande, dove l'hai cresciuto, ecc. ti darà più o meno.

Come puoi vedere, la coltivazione delle patate dolci è molto facile da ottenere. Hai il coraggio di piantare?


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Rogelio suddetto

    Per quanto riguarda il seme, appena finisco di toglierli pianto i più piccoli e germogliano quando la natura lo dispone o più tardi quando iniziano a germogliare.
    Per quanto riguarda l'irrigazione, la mia esperienza mi ha insegnato che dovrebbe essere abbondante una volta e non due o tre volte, poiché in questo modo si inumidisce solo la parte superiore e la patata dolce novella non ha abbastanza umidità per penetrare più in profondità.

    1.    Emilio Garcia suddetto

      Grazie mille per aver condiviso la tua esperienza con le patate dolci, Rogelio, sono sicuro che molti altri lettori lo troveranno utile come informazione complementare. Saluti.

  2.   ELSA suddetto

    GRAZIE PER AVERMI INSEGNATO MOLTO SU VERDURE, ALBERI E FIORI S, NON POSSO COLTIVARE TUTTO. MI PIACE CONOSCERE QUESTA OASI CHE È LA TERRA. GRAZIE

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Grazie Elsa.