Come coltivare la Passiflora ligularis

Coltivare la Passiflora ligularis è abbastanza semplice

La Passiflora ligulare è una pianta di vite originaria delle Ande centrali, in particolare del Perù, che appartiene alla famiglia Passifloracee. Questo ortaggio è anche conosciuto come granadilla, melograno, melograno muco o melograno cinese. Questa pianta fiorisce solo nelle zone tropicali e subtropicali, poiché non tollera bene le gelate invernali. Se viviamo in una zona del genere, possiamo considerare di raccogliere questa pianta da soli. Per aiutarti, ti spiegheremo in questo articolo come coltivare Passiflora ligulare.

È una pianta che può raggiungere un'altezza fino a quindici metri ed è conosciuta principalmente per i suoi frutti commestibili. Sono simili al melone: ​​hanno una polpa dolce e aromatica e hanno un colore da dorato a marrone o giallo con macchie chiare e piccole. Cosa c'è di più, possiamo raccogliere i tuoi frutti quasi tutto l'anno, poiché non ha una stagione di raccolta specifica. Dare una cura ottimale al Passiflora ligulare, fornirà un fogliame sempreverde di frutti deliziosi e bellissimi fiori.

Come si coltiva la pianta della Passiflora?

Per coltivare correttamente la Passiflora ligularis è necessario tenere conto di annaffiature, fertilizzanti e potature.

Se ti piacciono i melograni, cioè i frutti del Passiflora ligulare, coltivare questa bella pianta è un'opzione molto buona e soddisfacente. Inoltre, non è molto complicato. Scopri come coltivare la Passiflora ligularis seguendo questi semplici consigli.

La vite deve essere guidata in modo che finisca per adattarsi al traliccio o al graticcio man mano che cresce e si sviluppa. Per fare questo, dobbiamo legare le viti di granadilla con tessuti speciali per piante. L'ideale sarebbe farlo ogni 10-25 centimetri lungo la lunghezza dello stesso, nello stesso tempo in cui lasciamo che le viti si incrocino.

Una volta che abbiamo questo pronto, è il momento di mantenere la pianta, monitorando l'irrigazione, la concimazione e la potatura. Di questi punti parleremo più avanti. Potremo raccogliere il frutto quando vedremo che la scorza dello stesso si adatta a uno sciocco luminoso e comincia a ingiallire. Quando si raccolgono i frutti, bisogna fare attenzione a non danneggiare eccessivamente la pianta. L'opzione migliore è usare un coltello affilato. Con questo dobbiamo tagliare vicino al gambo. Dopodiché, non ti resta che gustare il delizioso frutto.

Prendersi cura della Passiflora ligularis

Quando abbiamo la pianta pronta attraverso la regolazione che abbiamo fatto al traliccio, dobbiamo preoccuparci delle cure che richiede. Non è solo importante guidarlo affinché cresca correttamente, ma, come tutte le piante, devi annaffiarlo, nutrirlo e potarlo.

Per quanto riguarda l'acqua, è meglio innaffiare il terreno alla base della vite circa una volta alla settimana. L'importante è che il substrato rimanga umido, ma senza ristagni d'acqua. Generalmente, i frutti richiedono un pollice di acqua ogni settimana. Tuttavia, se è la stagione secca e il terreno viene mantenuto umido per meno tempo del normale, sarà necessario annaffiare un po' di più.

Passiflora x decaisneana
Articolo correlato:
Dai la massima cura alla tua Passiflora con questi accorgimenti

Non dobbiamo dimenticare il fertilizzante. Devi pagare il Passiflora ligulare in inverno o all'inizio della primavera, prima che le viti ricomincino a germogliare. Il fertilizzante più adatto per questa pianta è un granulare bilanciato. Naturalmente, dobbiamo sempre applicare le quantità consigliate dal produttore, a seconda delle dimensioni dell'ortaggio. Si applica generalmente ogni cinque o sei mesi, ma non bisogna mai aggiungere più di 150 grammi di fertilizzante alle viti in un solo colpo.

Infine c'è la potatura. È un compito importante, perché se non lo facciamo, può ritardare o addirittura arrestare completamente lo sviluppo della pianta. potare il Passiflora ligulare Dovrebbe essere fatto a fine inverno, quando le viti non crescono. È meglio rimuovere solo le viti morte, quelle danneggiate o deboli alla base. In questo modo ci assicuriamo che l'ortaggio si sviluppi in modo sano.

Usi della Passiflora ligularis

Passiflora ligularis produce frutti commestibili chiamati melograni

Come abbiamo già accennato in precedenza, il Passiflora ligulare genera dei frutti simili a meloni, detti melograni. Dunque, il suo utilizzo principale è a livello culinario. Possiamo trovare in commercio un'ampia varietà di prodotti che includono il melograno come ingrediente. Vediamo alcuni esempi di utilizzi del melograno:

  • Come la frutta fresca
  • Preparazione di succhi e spremute
  • Industria del gelato
  • Industria dello yogurt
  • Preparazione di liquori vari
  • Industria della gelatina e della marmellata

Ora che sai crescere Passiflora ligulare, Ora devi solo metterti al lavoro. Con un po' di lavoro e dedizione, puoi goderti i suoi deliziosi frutti quasi tutto l'anno. Se ti piace il melograno, non esitare a provare a prenderti cura di una delle sue piante. Come hai visto, non è un compito molto complicato. In caso di domande, hai sempre la possibilità di consultare un esperto.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.