Realizzare il proprio substrato: la formula per un giardino rigoglioso

le piante crescono di più creando il proprio substrato

Siamo tutti sempre più consapevoli di quanto sia importante sfruttare al meglio le risorse di cui disponiamo. Quindi, se ti piacciono le piante, creare il proprio substrato È una buona scelta. Senza troppi sforzi, renderai i tuoi fiori più belli che mai.

Acquista un substrato acido di buona qualità Non è sempre facile, e se non diamo alle nostre piante i nutrienti di cui hanno bisogno, non dispiegheranno tutto il loro potenziale. Fortunatamente, ci sono modi per creare il nostro substrato fatto in casa. Prendi nota di ciò che ti diremo.

Qual è il substrato per le piante?

substrato vegetale fatto in casa

Prima di tutto, partiamo dalle basi. Tutti noi abbiamo applicato del substrato alle nostre piante, eppure molte volte non sappiamo esattamente cosa sia questo prodotto o quale sia il suo vero scopo.

Il substrato per piante da interno o da esterno è il terreno o terreno in cui mettiamo le nostre piante. Viene prodotto attraverso una serie di prodotti che facilitano la ritenzione idrica, contribuiscono al drenaggio dell'umidità in eccesso e apportano sostanze nutritive.

Tra i suoi componenti possiamo trovare:

  • Terra o torba. Fornisce nutrienti ed è responsabile della ritenzione idrica.
  • sabbia o perlite Per facilitare il drenaggio.
  • Materiale organico. È responsabile della fornitura di sostanze nutritive.
  • Composta. Fornisce più nutrienti e aiuta nella ritenzione idrica.
  • Corteccia di pino. Contribuisce all'aerazione del substrato.
  • Vermiculite. Per trattenere l'umidità.
  • Fibra di cocco. Contribuisce a una migliore ritenzione idrica e anche all'aerazione del substrato.

Il substrato è la base su cui cresceranno le nostre piante, da qui l'importanza di sceglierne uno di qualità adatto ad ogni tipo di pianta (più o meno acido, con più o meno capacità drenante, ecc.)

Cosa serve per realizzare il substrato?

trucchi per creare il tuo substrato

I componenti possono essere organico e inorganico e, a seconda degli "ingredienti" che mettiamo nella nostra ricetta, otterremo un substrato ideale per ogni varietà vegetale che abbiamo in casa.

I componenti inorganici che potresti dover acquistare: perlite, pietra pomice, idrogel, sabbia... Ma i componenti organici sono solitamente sottoprodotti che potresti trovare nel tuo ambiente. Per esempio, fibre di cocco, bucce di cereali, corteccia d'albero e trucioli di legno.

Caratteristiche del supporto ideale

Anche se è vero che ogni varietà vegetale ha esigenze diverse in termini di problematiche come il pH o l'umidità, ci sono una serie di caratteristiche che sono fondamentali in un buon substrato domestico.

  • Stabilità. Deve mantenere le sue qualità fisiche e non appesantirsi.
  • Leggerezza. Di bassa densità, che una volta raccolto si scioglie tra le mani.
  • Macropori. Questi consentono l'aerazione delle radici, motivo per cui siamo interessati a un substrato che non si raggrumi.
  • pH. Idealmente, dovrebbe essere compreso tra 6 e 6.5, che è quello che preferisce la maggior parte delle piante.
  • Sterile. Ciò implica che deve essere privo di organismi patogeni che possono assorbire i nutrienti di cui le piante hanno bisogno o infettarle.
  • Ritenzione idrica. Il substrato deve trattenere il 25% dell'acqua di irrigazione.
  • Nutrienti Deve avere il "cibo" di cui hanno bisogno le nostre piante: fosforo, zolfo, magnesio, calcio, boro, ecc. Questi possono essere forniti tramite fertilizzante, ma è interessante che il substrato li abbia alla sua origine.

Come creare il tuo substrato

rendi facile il tuo substrato fatto in casa

Sebbene ne esistano molte varietà, vi lasciamo il mix di base. Per realizzarlo bisogna unire terriccio da giardino di qualità (40%) a compost (30% e meglio se fatto in casa), sabbia grossolana o perlite (20%), e 10% materia organica (resti di potatura, gusci di cereali , paglia, ecc.)

In un recipiente o piano capiente e pulito unire gli ingredienti nella proporzione che vi abbiamo indicato. Puoi mescolarli con una pala o direttamente a mano. Se ti sembra che sia troppo denso, puoi setacciarlo con una rete o un colino.

Questa è la formula di base per creare il tuo substrato, ma ora è il momento di pensare alle esigenze delle tue piante. Se sono varietà che necessitano di un drenaggio più veloce, aggiungi più sabbia o perlite in modo che perdano parte della loro capacità di ritenzione idrica.

Se hai bisogno di un substrato più acido, aumenta la proporzione di torba. Mentre se quello di cui hai bisogno è un terreno molto ricco di sostanze nutritive, puoi aggiungere una quantità maggiore di humus o materia organica.

Potresti aver creato più substrato del necessario, ma puoi tenerlo. Conservare in un contenitore ermetico, in un luogo fresco e asciutto. Se non assorbe umidità, dovrebbe resistere a lungo in condizioni ottimali.

Vantaggi della creazione di un substrato

Trascorrere del tempo a preparare il substrato per le tue piante avrà più di una ricompensa. Infatti, non appena proverai i benefici che puoi ottenere con esso, non vorrai tornare all'industriale. Ad esempio, qui puoi vedere alcuni dei vantaggi che ottieni quando crei un substrato fatto in casa.

  • Personalizzazione. Puoi creare il substrato giusto per ciascuna delle tue piante. Devi solo adattare la proporzione dei componenti.
  • Controllo di qualità. Dal momento che selezionerai tu stesso gli ingredienti per creare il tuo substrato, potrai vedere in prima persona che sono della massima qualità. Questo è importante per evitare la presenza di agenti patogeni o che le erbacce finiscano per crescere.
  • Di risparmio. Senza dubbio, realizzare il proprio substrato finisce per essere più economico rispetto all'acquisto di un prodotto fabbricato. Avrete infatti già visto che alcuni dei componenti possono essere ottenuti gratuitamente, come i resti di potatura.
  • Sostenibilità Realizzare un substrato fatto in casa ti dà l'opportunità di riciclare e riutilizzare i materiali, quindi contribuisci a prenderti cura dell'ambiente.
  • Piante più belle. Con un substrato adattato alle tue esigenze e realizzato con materiali di qualità, le tue piante saranno molto più belle. Diventeranno più forti, fioriranno di più e saranno meno esposti a rischi di infezione e parassiti.

Realizzare il proprio substrato è semplice e presenta vantaggi sia per le piante che per le tasche e per l'ambiente. L'hai mai fatto? Condividi la tua esperienza con noi nei commenti.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.