Crescere e prendersi cura della cresta di gallo

Cresta di gallo

Questo è uno dei fiori più curiosi che esistano, ed è che i suoi petali sono distribuiti in modo tale da ricordarci molto una parte di un animale ben noto: il gallo. Per essere più precisi, ci riferiamo al suo stemma, motivo per cui si chiama la nostra protagonista Cresta di gallo.

Se vuoi sapere tutto su di esso: coltivazione, cura, malattie che possono influenzarlo e molto, molto altro ancora, non perdetevi questa particolarità di questo incredibile e curioso fiore.

Caratteristiche della Cresta de Gallo

Cresta di gallo fiore rosso

Questa pianta è conosciuta con il nome scientifico di Celosia argentea var. cristallo. Originaria delle regioni tropicali dell'Africa e dell'Asia, appartiene alla famiglia delle Amaranthaceae. Come la maggior parte dei generi di questa, sono erbacee, con un ciclo di vita di un solo anno durante il quale germoglierà, crescerà, fiorirà e, una volta maturi i semi, appassirà gradualmente con l'arrivo del freddo inverno. Le sue foglie sono lunghe, lanceolate, con nervi verdi molto ben marcati.

I fiori, che possono essere rossi, gialli, rosa o arancioni, compaiono in primavera distribuiti in infiorescenze erette, dense e piumate. Rimangono a lungo nella pianta; infatti, se le temperature sono calde può durare fino a due mesi, che diventa il pretesto perfetto per dare colore a quel patio o terrazzo durante le giornate che il tempo accompagna 😉.

Come viene coltivata e curata la Cresta de Gallo?

Cresta di gallo

Questo è un fiore molto facile da coltivare, anche se non hai ancora molta esperienza con le piante. Vediamo nel dettaglio come ottenere piante sane e durevoli:

Riproduzione

E cominceremo, ovviamente, all'inizio, con i semi. Se non hai ancora un adulto, puoi acquistare un pacchetto di semi in qualsiasi vivaio o negozio di fattoria. Una volta a casa, te lo consiglio mettere in un bicchiere con acqua per 24 ore in modo da poter scartare quelli che non sono vitali, che sono quelli che rimangono galleggianti proprio in superficie; Così potrai controllare meglio quelli che semini, quelli che con ogni probabilità germineranno in pochi giorni.

Il giorno dopo, sarà il momento di preparare il letto di semina. Qualunque cosa ti può servire come tale, ma è altamente raccomandato utilizzare vassoi per piantine (di quelle usate per seminare semi di piante orticole), poiché questa pianta ha un'alta percentuale di germinazione, e anche un rapido tasso di crescita. Se mettiamo uno o due semi in ogni alveolo, quando germogliano possono essere trapiantati con successo nei singoli vasi o nel giardino. Altrimenti, cioè se ne seminiamo tante in vaso, la nostra Celosia rimarrà piccola in quanto non c'è molto spazio dove possano crescere le loro radici.

Quindi, se avete il vassoio della piantina, dovete semplicemente riempire gli alveoli con substrato universale per piante (o se preferite, mescolare la torba nera con la perlite in parti uguali), annaffiarla bene e mettere un massimo di 2 semi in ogni buca . Quindi, devi solo farlo coprirli con un sottile strato di substrato (più che altro in modo che il vento non possa portarli via), e di nuovo acqua.

Questi fiori germoglierà in circa 10-20 giorni a condizione che la temperatura sia elevata, superiore a 15ºC, e che si trovino in un punto in cui i raggi del sole li raggiungano direttamente. In questo modo, ridurremo il rischio che finiscano per avere problemi di crescita o sviluppo, poiché non vivono molto bene in penombra. Affinché non manchi nulla, è importante mantenere il substrato umido (ma non allagato), quindi annafferemo ogni 2-3 giorni.

Quando hanno preso le prime foglie vere e hanno raggiunto un'altezza di circa 10 cm, puoi trapiantarle in un vaso più grande oppure a terra. A proposito, dovresti sapere che i fiori non impiegheranno molto ad apparire: dovrai solo aspettare circa tre mesi. Ebbene, è vero, detto così sembra tanto tempo, ma quando finalmente lo faranno, vedrai come potrai contemplare i loro bellissimi fiori per 8 settimane. Cosa c'è di più, Puoi sempre seminare in date diverse (ad esempio, il primo lotto all'inizio della primavera, il secondo a metà primavera e il terzo alla fine di questa stagione) per avere fiori un po 'più lunghi.

Creste di gallo

Cura delle pentole

La Cresta de Gallo si coltiva prevalentemente in vaso, e per le sue piccole dimensioni (circa 50cm di altezza al massimo) è molto interessante averla come centrotavola, in balcone o in terrazza. Ma che cura richiede?

  • Posizione: vivrà meglio se esposto al sole diretto.
  • irrigazione: frequente, ogni 2-3 giorni. Aumentare la frequenza durante l'estate se le temperature sono elevate (sopra i 30ºC) e se il supporto si asciuga rapidamente.
  • Abbonato: altamente raccomandato. Fertilizzare con concimi specifici da piante con fiori ornamentali per ottenere una maggiore quantità di fiori durante la stagione della fioritura.
  • sottofondo: con un buon drenaggio. Se nel letto di semina potessimo usare un qualsiasi substrato, se lo avremo in vaso dobbiamo assicurarci che il terreno che utilizziamo non si compatti. Quindi, possiamo usare la miscela composta da torba nera e perlite in parti uguali, oppure mescolare 50% torba nera + 30% perlite + 20% vermiculite.

Cura dei pavimenti

Ma sarà spettacolare anche in giardino, sia insieme ad altre Celosia che ad altre piante che crescono più o meno alla stessa altezza. La cura è un po 'diversa da quella che richiede in una pentola:

  • Posizione: pieno sole.
  • irrigazione: frequente, ogni 3-4 giorni.
  • Abbonato: la pagheremo finché sarà in fiore. Possiamo utilizzare fertilizzanti naturali come il guano liquido, seguendo le raccomandazioni indicate sul contenitore.
  • Terra: non è impegnativo in termini di pH del terreno, ma avrà problemi in quelli che tendono a compattarsi. Quindi, se si dispone, ad esempio, di terreno argilloso, si consiglia di realizzare una buca di piantagione di almeno 50x50cm, e riempirla con substrato vegetale misto a perlite in parti uguali.

Malattie e parassiti della cresta di gallo

Celosia argentea

Ora che abbiamo visto come viene curato sia nel vaso che nel terreno, è tempo di vedere la parte che piace di meno a chi di noi coltiva piante: le malattie e gli insetti nocivi che possono colpire la Cresta de Gallo.

Malattie

Le malattie delle piante possono essere trasmesse da virus, funghi o batteri. Nel caso della nostra protagonista, sarà un fungo a danneggiarla. Il tuo nome? Sicuramente l'hai mai sentito: muffa polverosa. Si tratta di un fungo parassita che attacca le foglie ricoprendole con uno strato cotonoso biancastro a forma di stella. Quando non viene controllato in tempo, le foglie finiscono per seccarsi e cadere.

Cosa lo causa? Principalmente scarsa cura come umidità in eccesso e / o compost o mancanza di luce. Pertanto, il trattamento prevede la correzione di queste cause e l'applicazione di trattamenti con fungicidi naturali (zolfo o rame). Tuttavia, se la malattia è molto avanzata, dovranno essere utilizzati fungicidi chimici.

parassiti

Essendo una pianta con foglie succose per molti insetti, purtroppo avrà bisogno anche di trattamenti preventivi contro i parassiti. Quelli che ti interessano di più sono:

  • acari: si insediano principalmente nella parte superiore delle foglie. Se la tua pianta ha acari, puoi vedere macchie gialle, piccoli fori che prima non c'erano e persino ragnatele. Poiché la Celosia è piccola, puoi pulire le foglie con acqua e sapone o, se preferisci, utilizzare un insetticida contenente Chlorpyrifos.
  • molluschi: Se vivi in ​​una zona molto umida, le lumache si avvicineranno sicuramente alla tua Cresta de Gallo. Per evitare ciò, puoi respingerli mettendo piatti o bicchieri con la birra. Un altro modo, molto meno dannoso per questi animali, è posizionare il rame intorno alla tua pianta, poiché a causa di una reazione tra il metallo e la melma della lumaca, non vorrà avvicinarsi ad essa. Certo 😉.

Usi della cresta di gallo

Come abbiamo visto, questa è una pianta ideale da avere ovunque, purché abbia molta luce. Ma lo sapevi che ha altri usi? In Africa e in Asia, da dove proviene, le sue foglie e fiori sono usati come cibo. Sì, sì, puoi preparare deliziose insalate con questa pianta. In effetti, dovresti sapere che è anche conosciuto con il nome di "spinaci di Lagos".

Quindi sai, se vuoi fare una cena diversa, lessare alcune foglie di Celosia, quindi aggiungerle insieme alla lattuga. Buon appetito! 🙂

In sintesi

Celosia argentea

La cresta di gallo, o Celosia argenta var. cristallo, È una pianta molto apprezzata per il suo fiore spettacolare. Oltre al suo alto valore ornamentale, va notato che è molto facile da coltivare e curare, in quanto basta posizionarlo in un luogo dove riceva molta luce diretta, possibilmente tutto il giorno, un substrato che abbia un buon drenaggio e frequenti annaffiature. Così che, Questa è una pianta ideale per quelle persone che sono appena entrate nel mondo del giardinaggio e non hanno molta esperienza (o nessuna) cura delle piante.

Senza dubbio questo è un fiore che ci darà tante grandi soddisfazioni. Se non mi credi, prendi uno stemma del gallo e dimmelo 🙂.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Erica Sanchez suddetto

    Avevo due creste di gallo in giardino ... si sono seccate e ho tolto i semi ... ne piantate un po 'in un pentolino e stanno germogliando ... stanno prendendo le loro prime foglioline. Aspetto ancora un po 'per trapiantarli in un vaso più grande? Grazie

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Erica.
      Sì, meglio aspettare ancora un po ', fino a quando non sono alte almeno 5cm (è molto più consigliabile aspettare che raggiungano i 10cm).
      Saluti e complimenti a quei piccoli! 🙂

  2.   Claudia Castro Sepulveda suddetto

    Una volta che il fiore che passa con la pianta è stato tagliato, devi strapparlo, perché a quanto pare si tratta di un unico fiore o cosa?

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao, Claudia.
      Sì, quando fiorisce, non fiorisce più. Puoi lasciarlo finché le foglie non si seccano o aggiungerlo direttamente al compost se ne hai uno.
      Saluti 🙂.

  3.   Jose suddetto

    Ciao, mi piace molto questa pianta che avevo in rosso ma l'ho persa a causa della siccità. Ho cercato semi e non l'ho trovato, se qualcuno volesse mandarmi semi di diversi colori lo apprezzerei, è una pianta che amo, la mia email è fjquemsrtinez@gmail.com

  4.   Jose suddetto

    L'email che ho inserito è sbagliata è la seguente
    fjquemartinez@gmail.com
    grazie

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Jose
      Se vuoi, puoi seminare i suoi semi in primavera, semina diretta in vaso. Li puoi trovare su ebay.
      Buona fortuna 🙂

  5.   mari-pace suddetto

    bene, una volta perso il fiore, l'intera pianta è persa? oppure l'impianto può essere utilizzato da un anno all'altro

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Mari Paz.
      Dipende dal tempo. Se non ci sono gelate e la temperatura rimane mite (sopra i 10 ° C) durante tutto l'anno, la pianta continuerà a vivere dopo la fioritura; altrimenti, dopo la fioritura può essere scartato.
      Saluti.

  6.   Maria Nieves Acero suddetto

    Ciao. Riguardo al commento precedente, in caso di mantenere la pianta durante l'inverno, al riparo dal freddo, rifiorirà in primavera?

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Maria.
      No, la cresta di gallo vivrà solo un anno 🙁
      Saluti.

  7.   Bel suddetto

    Ciao! Ho adorato il post. Ho gelosia in tutta la casa perché li amo. Non sapevo che si potessero consumare, dove posso vedere le ricette o sapere come cucinarle? Non riesco a trovare da nessuna parte 🙁

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Bel.

      Grazie. Bene, le foglie e gli steli possono essere mangiati in insalata, mentre i fiori ei semi sono leggermente cotti.

      Ma è importante non abusare.

      Saluti.

  8.   Juanmi suddetto

    Buon pomeriggio, ho avuto due piccole creste di gallo per circa un mese. Erano nello stesso vaso, ma uno è morto pochi giorni fa mentre l'altro era intatto. Per un paio di giorni al secondo aveva delle foglie cadute e oggi le ha tutte... Qualcuno saprebbe il motivo? A causa della mancanza di irrigazione, non è perché il terreno è visibilmente bagnato. Grazie in anticipo.

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Juanmi.

      Queste piante dopo la fioritura si seccano e muoiono. Ad ogni modo, se ti trovi nell'emisfero settentrionale è possibile che ciò che accade è che viene annaffiato troppo. Se hai un piatto sotto, dovresti scolarlo dopo l'irrigazione.

      Inoltre, sarebbe bene versare acqua 2-3 volte a settimana, non di più.

      saluti