Dimetoato, un pesticida che non puoi più usare

applicare il dimetoato

In agricoltura è comune l’uso di pesticidi ed erbicidi. Infatti, senza questi prodotti chimici le colture sarebbero molto meno produttive. Ma ormai da tempo sono nel mirino degli specialisti perché possono nuocere sia all'ambiente che alla salute delle persone. Quindi il dimetoato ora è proibito in Spagna.

Questo composto si è rivelato molto efficace contro afidi e cavallette, tra gli altri insetti, ma si è rivelato anche un grande nemico per le api, per questo nel 2020 si è deciso di vietarne l'uso. Vediamo più nel dettaglio qual è la causa del suo ban.

Cos'è il dimetoato?

colture trattate con dimetoato

È un insetticida o pesticidi organofosfati. Vale a dire che il suo componente principale è il fosforo, che si combina con altri elementi organici. È proprio questa composizione che lo rende così efficace, e che lo ha reso per decenni uno dei prodotti più utilizzati in agricoltura e orticoltura per controllare la presenza di insetti e combattere i parassiti.

Il dimetoato si è dimostrato molto efficace contro le zanzare, i tripidi, gli afidi e, soprattutto, contro il Mosca bianca, che colpisce, tra gli altri, le colture di ulivi, meli, angurie, arance e pere. Dando buoni risultati sia nelle colture erbacee che nelle colture orticole e frutticole.

Ciò che fa è inibire l'enzima acetilcolinesterasi, che svolge un ruolo essenziale nella trasmissione degli impulsi nervosi negli insetti. Provoca un accumulo di acetilcolina, sovrastimolare il sistema nervoso e causare la morte.

Dimetoato, un problema per le api

api tossiche dimetoato

Da alcuni anni si studia l’effetto che i pesticidi provocano sulle comunità di api. Perché, così come agiscono su altri insetti dannosi per i raccolti, possono farlo anche su animali utili come le api.

Già nel 1984 esistevano studi che parlavano della tossicità del dimetoato per le api e di come ne influenzasse il numero, ma ci sono voluti più di 30 anni per adottare misure. Ora è stato confermato che questo prodotto provoca squilibri negli ecosistemi e incide sulla biodiversità, uccidendo le api e ostacolando l'impollinazione delle piante.

Dimetoato e il suo effetto sull'ambiente naturale

Questo pesticida presenta vari rischi per l’ambiente che vanno oltre il suo impatto sulle comunità di api. Rischi che sono diventati motivi convincenti per il suo divieto.

  • Tossicità per organismi non bersaglio. Come abbiamo sottolineato in precedenza, questo pesticida agisce contro insetti come la mosca bianca, dannosa per le colture, ma colpisce anche insetti utili come le api o le coccinelle. Se utilizzato in eccesso può diminuire significativamente le popolazioni di insetti impollinatori.
  • Contaminazione dell'acqua. Quando le colture trattate con dimetoato ricevono acqua piovana, questa scorre nei corpi idrici vicini e potrebbe finire per contaminare ruscelli, fiumi e pozzi. Una volta in acqua, può avere effetti dannosi sulla vita acquatica.
  • Persistenza nel terreno. Le caratteristiche di questo prodotto chimico gli permettono di persistere a lungo nel terreno dopo la sua applicazione. Se viene utilizzato nelle colture anno dopo anno, l'accumulo di residui nel terreno può comprometterne la fertilità.
  • Resistenza ai parassiti. Questo pesticida è in uso da decenni e presenta lo stesso problema di molti altri, ovvero che gli insetti finiscono per sviluppare resistenza. Pertanto non è più efficace al 100% contro i parassiti, mentre i suoi effetti nocivi sull’ambiente rimangono intatti.
  • esposizione accidentale. L'uso del dimetoato negli aerosol può finire per trasportare il prodotto in aree abitate da esseri umani o animali.

Rischi del dimetoato per l'uomo

Nonostante ora sia vietata, questa sostanza chimica è utilizzata da decenni sul campo e si è scoperto che può essere tossica a diversi livelli.

Tossicità elevata e cronica

L'esposizione a una quantità eccessiva di dimetoato può causare un avvelenamento acuto che provoca vomito, mal di testa, vertigini e, nei casi più gravi, convulsioni e persino coma. Se l'esposizione è prolungata, l'affetto può diventare cronico e causare problemi neurologici che includono problemi di memoria e disturbi del sistema nervoso.

irritazioni

Il contatto diretto con questo prodotto provoca irritazione. sia sulla pelle che negli occhi. Compaiono arrossamento, prurito e sensazione di bruciore. In casi come questi è meglio rivolgersi direttamente al medico.

Infezioni respiratorie

L'inalazione di dimetoato può irritare le vie respiratorie e causare tosse e sintomi che spesso ricordano quelli dell’influenza.

Cancro

Come per altri pesticidi e fertilizzanti utilizzati sulle colture, nella comunità scientifica è in corso un ampio dibattito sulla loro influenza o meno sullo sviluppo del cancro negli esseri umani.

Non esistono prove scientifiche solide che colleghino l’esposizione al dimetoato con lo sviluppo del cancro., ma i pesticidi continuano a essere nel mirino dei ricercatori.

Alternative al dimetoato

parassiti della mosca bianca trattati con dimetoato

A causa della sua elevata efficacia contro la mosca bianca dell'olivo, il divieto del dimetoato ha rappresentato un inconveniente per coloro che lavorano nel settore agricolo. Fortunatamente è possibile trovare altre alternative altrettanto efficaci contro questo e altri insetti e che non influiscono sull’ambiente.

  • Controllo biologico. Implica l’introduzione di predatori naturali di parassiti nell’ecosistema per tenere sotto controllo gli insetti dannosi.
  • insetticidi naturali. Prodotti di origine naturale come olio di neem sono meno tossici per gli animali e l'uomo, ma efficaci contro alcuni parassiti.
  • Rotazione delle colture. Una tecnica classica che continua a funzionare così come millenni fa. Si tratta di ruotare i raccolti ogni stagione per evitare la crescita di comunità molto grandi di determinati insetti attorno a loro.
  • Trappole e esche. Consiste nell’utilizzare trappole per attirare gli insetti e quindi ridurne la popolazione, e nell’utilizzare attrattivi naturali per tenerli lontani dalle colture.

Il dimetoato è passato alla storia e non può più essere utilizzato a livello professionale o privato. Se sono presenti parassiti nelle vostre colture, è conveniente cercare un'alternativa meno dannosa per l'ambiente. Cosa ne pensa del provvedimento di divieto di questo pesticida?


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.