echeveria laui

Vista di un Echeveria laui

Echeveria laui // Immagine - Wikimedia / Salicna

Non c'è dubbio che uno dei piante grasse la cosa più bella, soprattutto se te ne prendi cura, è la echeveria laui, una pianta originaria di Oaxaca, in Messico, e che si riproduce sui pendii delle montagne.

Questa succulenta è una delle più complicate da curare, perché presenta alcune peculiarità che, se non si presta attenzione, possono farla scomparire. Ma qui puoi trovare qual è la cura del echeveria laui quindi non gli succede niente.

lineamenti echeveria laui

L'Echeveria laui è una piccola succulenta

Immagine - Wikimedia / Roland zh

Da echeveria laui dovresti sapere che è una succulenta in via di estinzione nel suo habitat naturale. A causa del pascolo (perché gli animali lo mangiano), del vento e, soprattutto, del fatto che molti le raccolgono per venderle, pochissime piante di questa specie rimangono in natura ed è per questo che si ritiene particolarmente importante averne cura gli esemplari esistenti.

La succulenta è caratterizzata dall'avere alcune foglie, tonde e paffute, ricoperte di spruzzi. Questo è uno strato bianco che copre quasi l'intera pianta e che funziona in diversi modi: come antibiotico, crema solare, repellente per insetti, impermeabilizzante ... Il suo obiettivo è che la pianta non perda l'umidità che ha, oltre a evitare ustioni .causate dalla luce del sole o per tenere a bada gli insetti.

Nel complesso, il echeveria laui può raggiungere i 15 centimetri di altezza ed avere un diametro doppio, cioè circa 30 cm.

Di tanto in tanto, e se sei abbastanza fortunato da fornire una buona cura, inizieranno a crescere uno o due stelo. Questa può raggiungere dai 6 ai 20 cm di lunghezza, ma non di altezza perché, dopo pochi centimetri, il fusto cadrà a causa del peso. Questo avrà foglie piccole (tra 5 e 7 da 11 a 20mm) e finirà anche in pochi bei fiori che saranno rosa. Sì, hai una succulenta che ti darà dei fiori.

Prendersi cura di echeveria laui

Echeveria laui è una succulenta

Immagine - Wikimedia / Jim Evans

Conosci già un po' meglio questa succulenta, ma per tenerla in casa e fornirle un buon posto per svilupparsi (che, tra l'altro, è piuttosto lenta a crescere) devi fornirle le cure di cui ha bisogno. E quali sono quelli? Bene quanto segue:

Posizione

La posizione del echeveria laui dipenderà da dove vivi. In generale, il posto migliore dove stare è pieno sole, Ma se vivi in ​​una zona molto calda, a volte è meglio metterlo in mezz'ombra in modo che le sue foglie non soffrano.

Ed è che, sebbene il pruin lo protegga, se fallisce puoi scoprire che la pianta brucia o perde quello spessore che ha caratteristico.

Temperatura

La echeveria laui è una pianta molto resistente; così tanto che resiste facilmente al calore. Ora, in inverno, anche se resiste al freddo, il gelo può farsi sentire, quindi se dove vivi fa molto freddo (stiamo parlando di temperature che scendono sotto i 5 gradi) è meglio proteggerlo in quei mesi. quale le temperature scendono troppo.

Terra

Lo sai che questa succulenta ama i terreni poveri? Quindi è così. Non è necessario fornirgli molti nutrienti, perché non ne ha bisogno. Ciò non significa che dovresti piantarlo con noncuranza, ma con un po' di substrato misto a ghiaia può essere più che sufficiente per farlo stare bene.

Vaso di fiori

Nel caso del vaso di fiori, raccomandiamo che mettici uno grosso. Essendo a crescita lenta, non avrai problemi in quanto dovrai cambiarlo in poco tempo, anzi, ti permetterà di conservarlo per 2-3 anni e allo stesso tempo dargli abbastanza spazio per sviluppare.

echeveria laui fiori

irrigazione

Questa è una delle cure più importanti del echeveria laui, e anche quelli che commettono più errori. Ed è che questa succulenta non tollera l'acqua in eccesso. È molto meglio che, tra un'annaffiatura e l'altra, si lasci asciugare completamente il terreno.

Inoltre, non è appropriato che abbia un piccolo piatto sotto che raccolga l'acqua, a meno che non lo svuoti 10 minuti dopo averlo innaffiato, perché ciò renderebbe solo la terra sempre bagnata.

In generale, un'annaffiatura a settimana in estate (a meno che non faccia molto caldo, che potrebbero essere due a settimana), e una ogni due settimane o un mese in inverno sarà più che sufficiente.

Certo, l'acqua quando la versi, cerca di non toccare le foglie perché, se lo fa, l'unica cosa che ottieni è che i rifiuti cadono e li esponi a grossi problemi.

Per evitare che la pianta venga a contatto con l'acqua di irrigazione, quello che fanno molti è posizionare uno strato di pietra in modo che funga da "materasso".

Potatura

Questa succulenta non è una pianta che necessita di potatura, anche se di tanto in tanto dovrai farlo togli le foglie secche, in particolare la base, per evitare che l'umidità si accumuli tra di loro.

Parassiti e malattie

Devi stare attento perché ci sono due parassiti che possono uccidere questa succulenta: afidi e cocciniglia cotonosa (Questo attacca le radici e lo stelo).

In generale, appaiono più comunemente se si trovano in luoghi con scarsa illuminazione e ventilazione.

Se ciò accade, è meglio trattarlo con un prodotto specifico per questi parassiti in modo da eliminarli il prima possibile. Si consiglia anche di cambiare il substrato per cercare di pulire le radici di quegli "insetti", e dopo qualche giorno esporlo direttamente al sole per vedere se si riprende.

Moltiplicazione

Quando ne hai già uno echeveria laui abbastanza grande, potresti chiederti se sarebbe possibile moltiplicarlo. Beh, sì puoi, sia dai semi che dalle foglie stesse. Questi dovrebbero essere posti tra i tovaglioli umidi per favorire lo sviluppo delle radici ma permette anche di piantarli direttamente.

Tuttavia, ci vuole molto tempo per crescere e, a volte, devi essere paziente per raggiungerlo.

Come vedi, il echeveria laui È una delle piante grasse più belle che si possano avere, ma anche piuttosto lenta nella sua crescita e con alcune peculiarità nella sua cura. Ne hai uno in casa? Hai dubbi su come prendertene cura? Dicci e cercheremo di aiutarti.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Homer Jaimes suddetto

    Articoli didattici come questo sono molto utili per quelli di noi che sono amanti delle piante grasse e delle piante in generale.

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Grazie mille Homero Jaimes per averci visitato e aver lasciato il tuo commento. Saluti.