Fertilizzanti a lenta cessione

Fertilizzanti a lenta cessione

Ci sono piante più sensibili che soffrono maggiormente dei cambiamenti nel loro ambiente. Anche specie che nel periodo della fioritura devono essere trattate con molta cura perché non amano che le loro condizioni ne risentano anche quando allo stesso tempo necessitano di un terreno ricco di sostanze nutritive.

In questi casi, la migliore alternativa per mantenere coperte le esigenze della pianta senza alterarne l'habitat è quella di utilizzare fertilizzanti solidi, ovvero fertilizzanti a lenta cessione che offrono il nutrienti necessari anche se in dosi equilibrate.

A cosa servono

La prima cosa da sapere è che non c'è fertilizzante ma che ce ne sono di diversi tipi a seconda delle diverse specie. Quelli a lento rilascio sono ampiamente utilizzati per le specie ornamentali.Quindi questo tipo di pianta ha bisogno di sostanze nutritive nel tempo e non tutte in una volta.

A differenza dei fertilizzanti tradizionali oa rilascio rapido, che forniscono nutrienti improvvisamente quando applicati, lI nutrienti a rilascio lento distribuiscono i nutrienti nel tempo. Questo accade perché vengono applicati una sola volta ma poi continuano a rilasciare sostanze nutritive nel terreno.

Fertilizzanti a lenta cessione

Questo è il motivo per cui lo sono anche consigliato per la fioritura Ebbene, se quelli a sgancio rapido avvantaggiano i fiori già presenti sulla pianta, gli altri accompagnano anche la crescita dei fiori che non si sono ancora sviluppati.

Vantaggi e svantaggi

Il lento rilascio di questi fertilizzanti consente una distribuzione uniforme dei nutrienti nel terreno ottenendo così una crescita uniforme delle piante. Ecco perché questi tipi di fertilizzanti sono ampiamente utilizzati dai paesaggisti, che devono controllare con precisione la crescita delle piante per ottenere il progetto pianificato.

Uno dei rischi maggiori di un eccesso di fertilizzanti è l'ustione di foglie e radici, cosa che generalmente non avviene con questo tipo di fertilizzante perché le sue dosi precise e periodiche consentono di minimizzare i rischi.

Fertilizzanti a lenta cessione

Molti fertilizzanti a lenta cessione sono solidi e polverulenti e possono concimare una pianta per un periodo di circa tre mesi. Per applicarli si mescolano all'acqua di irrigazione, sebbene ne esistano anche versioni in pastiglie, quest'ultima più rischiosa in quanto è comune che i nutrienti non siano distribuiti uniformemente in tutta la pianta e possano bruciare le zone vicine alla pianta. tavoletta.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Barbara Weinzettel suddetto

    Buongiorno.
    Questo fertilizzante, se è granulato, posso utilizzarlo per recuperare l'erba?
    Se posso usarlo, apprezzerei qualche consiglio per dargli più vita e non bruciarlo.
    Grazie. Saluti. Barbara

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao barbara.
      No, per l'erba è meglio utilizzare fertilizzanti specifici per l'erba, e meglio se è organico (letame di vacca, ad esempio) in polvere.
      Saluti.