Tutto quello che c'è da sapere per avere un orto biologico

Lattuga

Negli anni e sempre di più sembra che ci stiamo allontanando dal naturale. Nei supermercati troviamo alimenti trasformati, molto economici, ma con un sapore artificiale. Se vogliamo ottenere frutta e verdura con il loro gusto autentico, dobbiamo pagare il doppio. Un po 'curioso, eh? Ma hey, non ti parlerò di questo, ma di come puoi risparmiare sui tuoi acquisti coltivando le tue piante orticola.

Se hai anche un piccolo appezzamento di terra, approfittane per avere piante che ti daranno frutti deliziosi e, soprattutto, molto sani. In questo speciale ti aiuteremo prepara il tuo orto biologico, curalo e mantienilo. Da non perdere 🙂.

Come avviare un orto biologico

Giardino ecologico

La prima e più importante cosa da fare è, ovviamente, preparare la terra. Avere un terreno ricco, fertile, senza pietre, è essenziale per la corretta crescita delle piante. Pertanto, prima di pensare a quali colture vuoi avere, dovresti fare quanto segue:

  1. Elimina le erbe, ma non rimuoverli e gettarli nella spazzatura, ma piuttosto rimuoverli e gettarli nel compost che servirà poi per concimare (qui vi diciamo come fare). Se il terreno è grande potete utilizzare un motocoltivatore.
  2. Adesso è il momento di farlo rimuovere le pietre, soprattutto quelli grandi. Il pulitore di pietre è, meglio è.
  3. Quindi, procederemo con pagare, versando uno strato di circa 3-5 cm di spessore su tutto il terreno e mescolandolo con la terra. Se hai già preparato il compost, puoi usarlo, ma in caso contrario, usa fertilizzanti organici, come i getti di lombrichi, che aereranno la terra, il che sarà molto benefico per le piante.
  4. (FACOLTATIVO): per evitare che l'erba cresca, puoi mettere un pacciame di plastica nera con fori per le piante, in vendita in vivai e negozi online.
  5. Poi l'impianto di irrigazione è installato, che in questo caso è consigliata l'irrigazione a goccia, o con tubazioni essudanti. Il primo è vivamente, vivamente consigliato se si vive in un clima che riceve molta radiazione solare, in cui non piove quasi mai, poiché spesso è difficile per la terra assorbire l'acqua che cade intensamente, come quando cade una pioggia torrenziale oppure se viene irrigato con un tubo tradizionale; Se invece è per irrigazione a goccia, costa meno, poiché cade più lentamente e non si perde.
    I tubi di irrigazione che trasudano sono ottimi per piccole piante orticole, come fragole, lattuga, cavoli, ecc. Sono tubi pieni di pori che trasudano continuamente acqua, mantenendo la terra sempre umida.
  6. Ora sì, ora puoi piantare le piante che vuoi, ma mettendoli a una distanza adeguata in modo che possano svilupparsi bene.

Piante orticole: semina, piantagione e raccolta

Frutteto in Spagna

semina

Una volta che abbiamo preparato il terreno, dobbiamo riempirlo di verde, di piante. Ma come? Nei mercati locali e nei vivai troviamo piantine della giusta dimensione per essere piantate nel terreno, ma Perché non seminarli noi stessi? In questo modo risparmieremo un po 'di soldi.

Per questo, quello che faremo è acquistare semi biologici a fine inverno / primavera / inizio estate (ogni pianta ha il suo momento più adatto), da seminare in semenzale utilizzando substrato universale. Li posizioneremo in un'area in cui la luce solare diretta li colpisce e manterremo il terreno umido. Germoglieranno in pochi giorni, e quando saranno alti circa 5cm potranno essere piantati in giardino.

piantagione

Come vengono piantati? La verità è che dipende dalle dimensioni che raggiungeranno una volta raggiunta l'età adulta. Di solito sono piantati in file o sfalsati, che sono i due metodi più utili per sfruttare al meglio lo spazio.

  • In righe: tutte quelle piante più o meno alte, o che necessitano di un tutore, come piante di pomodoro, cetrioli, piselli, aglio, ... Tra le piante viene lasciata una distanza minima di 20-25 cm.
  • Sfalsato: quelli che rimangono piuttosto bassi vengono piantati in modo sfalsato, come lattughe, indivia, cavoli, fragole, spinaci, ... Di solito viene lasciata una distanza minima di 30 cm.

pick-up

Ci sono molte piante che possono essere raccolte in poche settimane, ma ce ne sono altre che richiedono un po 'più di tempo. Tuttavia, di solito ci vogliono circa tre mesi. Ad ogni modo, ti dirò quanto tempo impiegano le piante da giardino più comuni:

  • cipolle: seminato a gennaio / febbraio e raccolto a metà estate.
  • cocomeri: si semina ad aprile, e si raccoglie anche a metà estate.
  • Lattuga: seminato a febbraio e raccolto all'inizio dell'estate.
  • ravanelli: si possono seminare tutto l'anno e si raccolgono un mese e mezzo dopo.
  • Bietola svizzera: seminato in tardo autunno / inizio inverno e raccolto in primavera.
  • Aglio: seminato all'inizio dell'inverno e raccolto all'inizio dell'estate.
  • fragole: seminato all'inizio dell'inverno e raccolto in primavera.
  • Zucchine: si semina in primavera e si raccoglie in estate.

L'importanza della rotazione delle colture

Giardino di pomodori

Sicuramente hai mai sentito o letto questo sulla rotazione delle colture. Ebbene, è qualcosa che va fatto, o almeno che si raccomanda di fare per evitare, non solo che la terra perda i suoi nutrienti, ma anche in modo che le piante non abbiano tanti parassiti o malattie proprio della sua specie.

Esiste un tipo di piante, i legumi (fagioli, fagioli, piselli) che fissano l'azoto dall'atmosfera al terreno, quindi nella prossima stagione si possono piantare altri tipi di piante in modo che possano sfruttare quell'azoto e crescere meravigliosamente. Così, Come vengono ruotate le colture?

  1. Primo gruppo: In un appezzamento o in un angolo verranno piantati i legumi di cui abbiamo parlato prima, ma anche aglio, cipolle, porri, lattuga, spinaci, bietole, sedano e ravanelli.
  2. Secondo gruppo: in un altro, mettere i cavoli (tutti i tipi: cavolfiore, cavoletti di Bruxelles, ...), i broccoli e il cavolo cappuccio.
  3. Terzo gruppo: in un altro verranno piantate tutte quelle piante coltivate per le loro radici, come patate, carote, rape o barbabietole.
  4. Quarto gruppo: e in un altro verranno collocate piante perenni, come alberi da frutto o cespugli (mirtillo, agrumi, ecc.) E / o piante aromatiche.

Il primo anno e ogni 4 anni dovrebbero essere seguiti in questo ordine, ma non il resto:

  • Durante il secondo anno, il secondo gruppo dovrebbe essere inserito nel primo, quelli del terzo gruppo nel secondo e quelli del primo nel terzo, cioè sarebbero 2, 3, 1, 4.
  • Nel terzo anno, quelli del terzo gruppo vanno al primo, quelli del primo vanno al secondo e quelli del secondo vanno al terzo, lasciando così 3, 1, 2, 4.
  • Durante il quarto anno sarebbero tornati alla disposizione iniziale e da quel momento avrebbero ricominciato da capo.

Parassiti e malattie nell'orto biologico

Virus della patata

Come evitare parassiti e malattie

Le piante orticole sono un'attrazione per tutti i tipi di insetti, purtroppo. Tuttavia, possiamo fare diverse cose per evitarli:

  • Devono essere tenuti ben annaffiati. Ciò significa che va annaffiato più volte alla settimana, soprattutto durante il periodo estivo, ma evitando ristagni idrici. Nel caso in cui vivi nel Mediterraneo, o in una zona dove il sole è molto intenso, potresti essere costretto ad annaffiare tutti i giorni.
    Non bagnare mai foglie, steli o fiori.
  • Importante quanto l'irrigazione è il abbonato. Quando una pianta è ben fertilizzata, è molto difficile che venga attaccata dai parassiti. Per questo motivo, si consiglia di concimare con fertilizzanti organici durante tutta la stagione di crescita e fruttificazione.
  • Le piante non devono essere piantate vicine, poiché altrimenti il ​​continuo attrito tra le foglie potrebbe essere più che sufficiente perché funghi, virus o batteri le attaccino.
  • Un'altra misura preventiva molto efficace è piante associative, ma questo merita una sezione individuale 🙂.

Associazione di piante in giardino

L'associazione vegetale ha lo scopo di evitare, per quanto possibile, che il giardino sia attaccato da parassiti.

  • Verdure + Calendula: per combattere vermi, afidi e cimici dei letti.
  • Carota + piante aromatiche (come salvia, rosmarino o timo): per combattere formiche e afidi.
  • Pomodoro + Aglio: per combattere la muffa e il marciume del pomodoro.
  • Cucurbitacee + Nasturzio: per combattere vermi, afidi e lumache.
  • Verdure + Erba Cipollina: per combattere la ruggine.
  • Porro + Aglio: per combattere le mosche sui porri.

È molto importante mantenere la distanza tra le piante in modo che entrambe possano crescere bene.

Come eliminare parassiti e malattie

Cocciniglia cotonosa

I parassiti e le malattie che li colpiscono di più sono:

parassiti

  • Afide: sono minuscoli insetti, lunghi meno di 0 cm, che succhiano la linfa dalle foglie e dai gambi. Viene spesso visto insieme alle formiche. Può essere combattuto catturando alcune coccinelle a sette punte (Coccinella septempunctata) e metterli vicino alla pianta colpita. Ci sarà una grande festa!
  • viaggi: sono insetti lunghi circa 2 mm, di colore nero, che ricordano le forbicine. Possono essere controllati / combattuti mettendo trappole appiccicose blu.
  • Ragno rosso: questi aracnidi sono molto piccoli. Colpisce tutte le piante, soprattutto durante l'estate. La cosa più consigliabile è tagliare le parti interessate e trattare la pianta con Olio di Neem.
  • Mosca bianca: sono molto facili da riconoscere, soprattutto quando tocchiamo i gambi. Per combatterlo e / o tenerlo sotto controllo, si consiglia di piantare rosmarino e / o basilico e posizionare trappole appiccicose per le mosche bianche.

Funghi

  • Ruggine: È caratterizzato dalla comparsa di pustole rossastre sul lato inferiore delle foglie. Si controlla facendo un infuso con 100 grammi di coda di cavallo (Equiseto), utilizzando 1l di acqua. Si applica con uno spray.
  • Muffa polverosa: È caratterizzato dalla creazione di uno strato biancastro sulle foglie. Può essere controllato anche con infusi di coda di cavallo.
  • Muffa: È caratterizzato dal causare macchie gialle in tutte le parti della pianta. Può essere controllato, anzi evitato, se il terreno viene trattato in primavera o in autunno con rame o zolfo, ma se avete animali domestici, utilizzate meglio l'infuso di equiseto.
  • Grassetto: È caratterizzato dall'aspetto di uno strato nero che copre foglie, steli e frutti. È un fungo che è associato alla melata secreta da afidi e mosche bianche, quindi questi due insetti devono essere trattati in modo che il fungo sia indebolito.

virus

  • Virus della patata: Saprai di avere questo virus se vedrai che i nervi delle foglie iniziano a sembrare nerastri. Si combatte eliminando le erbe selvatiche e anche le parti colpite delle piante.
  • Virus dell'abbronzatura: questo è un virus i cui trasmettitori sono i tripidi. È caratterizzato dalla comparsa di macchie anulari su foglie e frutti, che scoloriscono. I tripidi devono essere eliminati affinché il virus scompaia.
  • Virus del mosaico del pomodoro: produce macchie simili a mosaici di sfumature verdi sulle foglie. Per evitare ciò, è molto importante lavarsi bene le mani quando andiamo a lavorare in giardino.

batteri

  • Cancro batterico: È caratterizzato dalla produzione di macchie allungate su foglie e steli e macchie circolari sui frutti. Il metodo migliore è preventivo, evitando ferite profonde e tagli, e applicandovi una pasta curativa in caso di potature drastiche.
  • Marciume umido o morbido: Si caratterizza per la comparsa di una macchia umida e opaca sul frutto, che a poco a poco marcisce. Per evitare ciò è sconsigliata l'irrigazione a pioggia, poiché si tratta di una tecnica di irrigazione che favorisce i batteri.
  • Punto angolare delle cucurbitacee: È caratterizzato dal causare lesioni ai bordi delle foglie. Queste macchie si diffondono gradualmente e appassiscono la foglia. Può essere prevenuto evitando l'eccesso di umidità.

Lascia che ti dica una cosa importante sugli insetti e simili: essere un orto biologico, è necessario che ci sia. È consigliabile trattarli solo quando influenzano davvero la produzione.

Raccolta delle patate

E finora il nostro speciale su questo incredibile tipo di giardino. Goditela con la salute 🙂.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.