Palme: tutto su queste piante

Esemplare di Johannesteijsmannia altifrons

Le palme sono piante di eccezionale bellezza. Il suo gambo (quello che chiameremmo tronco) cresce verso l'alto come se volesse raggiungere il cielo, e le sue preziose foglie svolazzano al vento ogni volta che soffia tra le sue foglioline, anche i suoi fiori, che sono raggruppati in infiorescenze altamente ramificate, compongono il il valore ornamentale di queste verdure non farà che aumentare.

Lo ammetto: sono innamorato di queste piante. Ma forse lo sei anche tu, o lo sarai presto. Così, in questo articolo speciale ne parleremo a lungo: le loro caratteristiche, tipi, specie principali, usi, ... e altro ancora.

Qual è l'origine delle palme?

Giovani palme Nikau

Questo tipo di piante ha iniziato ad abitare il pianeta Terra circa 145 milioni di anni fa, durante il Cretaceo. A quel tempo, enormi rettili abitavano il pianeta: i dinosauri, che condividevano il territorio con i mammiferi placentari, cioè con quegli animali che proteggono i loro piccoli all'interno della placenta finché non si sviluppano abbastanza da poter vivere all'esterno, come noi umani.

La lotta per la sopravvivenza non deve essere stata molto facile per le palme, poiché molti dinosauri si nutrivano sostanzialmente di erba, come il Supersaurus, che raggiungeva i 15 metri di altezza. Se teniamo conto che oggi la palma più alta, la Ceroxylon quindiuense È alta circa 60 metri, ha una crescita molto lenta (circa 20cm all'anno da giovane), di dieci semi che avrebbero dovuto germogliare, solo uno o due sono sopravvissuti.

Sono alberi o erbe?

Washingtonia filifera

Si pensa spesso che parlare di palme significhi parlare di alberi, ma è un errore. Queste piante sono erbacee, e questo è qualcosa che possiamo vedere non appena il seme germina: a differenza degli alberi, che hanno due cotiledoni (due prime foglie), le palme ne hanno solo uno, che è ciò che gli dà l'aspetto di erba. Ciò significa che lo sono piante monocotiledoni. Ma le differenze non finiscono qui.

Monocotiledoni non hai un vero baule, poiché non hanno una vera crescita secondaria, così che, tagliandola, non vedresti gli anelli annuali che hanno gli alberi e le altre piante dicotiledoni. Nel caso specifico dei nostri protagonisti, il tronco è chiamato gambo o gambo. Cosa c'è di più, le foglie hanno vene visibili, che sono parallele.

Quali sono le caratteristiche delle palme?

Palma adulta della specie Dypsis decaryi

Le palme sono un tipo di pianta che appartiene alla famiglia botanica delle Arecaceae (precedentemente Palmae) distribuita nelle regioni temperate e calde del mondo. Sono conosciute circa 3000 specie e tutte (o la maggior parte) hanno queste parti:

  • Proprietà: sono superficiali, il che significa che si sviluppano a pochi centimetri -non più di 60cm- dalla superficie del suolo.
  • Stipe: può essere inanellato o liscio, con il resto delle foglie secche o senza. Ci sono alcune specie che non ce l'hanno o ce l'hanno molto corto, come il Lepre australiana o alla Valichia densiflora.
  • Infiorescenze: se sono nuove, di solito sono protette dalla spata. Una volta aperti, si chiamano spezie.
  • capitale: è la parte che unisce il gambo con le foglie. In caso di taglio, la pianta morirebbe a causa della crescita delle foglie da essa.
  • Corona o tazza: è composto da foglie o fronde che possono essere pennate oa forma di ventaglio.

Varietà principali

Scrivere delle 3000 specie di palme in un unico articolo sarebbe impossibile, quindi ti parlerò di quelle che sono più facili da trovare nei vivai e nei negozi online.

areca catechu

Piantagione di catechu di Areca

La noce di areca o palma di betel, come viene talvolta chiamata, è una palma monoica - ci sono piedi maschili e piedi femminili - originaria dell'Asia e dell'Oceania. Ha un rapido tasso di crescita fino a raggiungere i 30 metri di altezza.. Il suo tronco si ispessisce fino a 30 cm di diametro ed è coronato da foglie pennate lunghe fino a 3 m con foglioline verde scuro larghe 2-3 cm.

Purtroppo, è molto sensibile al freddo e al geloE se lo coltivi in ​​un'area in cui la temperatura in estate supera i 30 ° C, devi proteggerlo dal sole diretto. Tuttavia, puoi stare in casa fintanto che sei in una stanza dove c'è molta luce proveniente dall'esterno.

Ceroxylon quindiuense

Esemplari di Ceroxylon quindiuense

Conosciuta come Palma da cera o Palma da cera di Quindío, è una pianta originaria delle valli andine del Parco Naturale Nazionale Los Nevados, situato nella Valle della Cocora del Dipartimento di Quindío, nella regione del caffè in Colombia. È la palma più alta, essendo in grado di raggiungere i 60 metri e addirittura superarli. Le foglie sono pennate, verde scuro sulla superficie superiore e argento o grigio sulla parte inferiore. Il tronco è cilindrico, liscio e ricoperto di cera.

A causa della sua origine, è una specie che può crescere bene solo nelle zone in cui il clima è temperato-freddo tutto l'anno. La temperatura nel luogo di origine oscilla in media tra i 12 ei 19ºC, quindi nei climi caldi il suo tasso di crescita rallenta molto (in estate non cresce nulla se si superano i 25ºC). Ma sopporta bene le gelate di -8ºC.

Chamaedorea elegans

Chamaedorea elegans

La Lounge palm o Pacaya È una palma dioica (i fiori femminili e maschili sono nello stesso esemplare) di 2-4 m di altezza che ha foglie pennate lunghe 40-60 cm. È originario dell'America centrale (Messico, Guatemala e Belize). È una pianta con un unico tronco che viene venduta in vaso con più piantine (come puoi vedere nell'immagine sopra).

È una pianta molto facile da coltivare, che puoi avere in un vaso che decora la tua casa per molti, molti anni, anche per tutta la vita della pianta. Ma se vuoi averlo fuori, È necessario proteggerlo dal sole diretto e dal gelo sotto i -2 ° C..

Chamaerops humilis

Esemplare di Chamaerops humilis

El Cuore di palma o Margallón è uno dei due Palme originarie della Spagna, in particolare dalla mia terra, le Isole Baleari, trovandosi soprattutto nella Sierra de Tramuntana (a nord di Maiorca). Cresce naturalmente anche nel Nord Africa e nell'Europa sudoccidentale.

Si caratterizza per avere più fusti alti fino a 3-4 metri coronati da foglie a ventaglio, e per la sua incredibile resistenza alla siccità. Cosa c'è di più, resiste al freddo fino a -7 ° C e cresce abbastanza bene su terreni poveri.

Cyrtostachys renda

Cyrtostachys renda palme

La Palma rossa del gambo È uno dei preferiti, ma anche uno dei più delicati. È una pianta multicaule originaria di Sumatra, che È alto 12 metri e ha foglie pennate lunghe 2-3 m. Il gambo è molto sottile, appena 15 cm di diametro.

È molto, molto sensibile al freddo: temperature inferiori a 10ºC lo danneggiano gravemente. Inoltre, necessita di un'elevata umidità ed essere protetto dal sole diretto.

Dipsis lutescens

Dypsis lutescens in vaso

Questa è la palma che conosciamo meglio come Areca o Areca gialla, ma non dobbiamo essere confusi. Altri nomi che riceve sono Palma de Frutos de Oro, Palmera Bambú o Palma Areca. Il Dipsis lutescens È una palma a gambo multiplo - con diversi tronchi - originaria del Madagascar. Le sue foglie sono pennate, lunghe da 2 a 3 m, e il suo tronco è inanellato e misura 4-5 m di altezza.

Da allora è relativamente facile prendersene cura resiste bene alle gelate deboli fino a -1ºC purché puntuali e di breve durata. Questo è molto interessante, poiché coltivandolo indoor non dovremo preoccuparci troppo delle correnti d'aria fredda che entrano quando apriamo la porta. Certo, ha bisogno di molta luce (ma non diretta).

Howea Forsteriana

Esemplare adulto della palma kentia

La kentia è una delle palme più coltivate indoor. È endemico dell'isola di Lord Howe, da cui deriva il nome del genere a cui appartiene (Howea). Cresce fino a circa 15 metri di altezza, con un semplice tronco inanellato di 13 cm di diametro.. Le foglie sono pennate e lunghe, fino a 3 m.

Per la sua lenta crescita e bellezza, viene spesso conservata in vaso per anni, sia all'interno che nel patio o giardino semiombreggiato. Resiste al gelo fino a -5ºC senza subire danni significativi.

fenice canariensis

Esemplare di Phoenix canariensis

Una delle due palme autoctone della Spagna. Il Palma delle Canarie o Palma delle Canarie è endemica delle Isole Canarie. Le sue foglie sono pennate e possono essere lunghe 5-6 m. Il tronco è molto spesso, fino a 3 m di diametro alla base, e cresce fino a 10 m di altezza. È spesso piantato in giardini e parchi.

Resiste senza problemi alle gelate fino a -7ºC, in modo da poterlo tenere all'aperto in un'area esposta alla luce solare diretta.

Phoenix dactylifera

Palme da dattero per adulti

La palma da dattero o támara è una specie di grande importanza economica per i suoi frutti: i datteri. Si crede che provenga dal sud-ovest asiatico, ma oggi si è naturalizzato in Nord Africa, e si potrebbe quasi dire che anche nella regione mediterranea.

È una pianta multicaule quella raggiunge i 30 m di altezza il cui tronco misura da 20 a 50 cm di diametro. Le foglie sono pennate, verde glauco. Per le sue dimensioni, oltre ai suoi frutti, se ne consiglia vivamente di averlo nei giardini, sin da allora resiste alla siccità e al freddo fino a -8 ° C.

Come vengono curati?

Ora che abbiamo visto le specie principali, vediamo quali cure generali richiedono. È importante che, a seconda della varietà, possa aver bisogno di cure leggermente diverse, quindi se hai domande chiedi 🙂:

  • Posizione: generalmente devono essere messe all'esterno. La maggior parte cresce bene in pieno sole, ma ce ne sono altre che necessitano di protezione.
  • Terreno o substrato: che siano tenuti in vaso o in giardino, è importante che il terreno abbia un ottimo drenaggio e sia ricco di sostanza organica.
  • irrigazione: circa 3 volte a settimana in estate e una o due volte a settimana il resto dell'anno.
  • Tempo di semina o trapianto: in primavera, quando è passato il rischio di gelate.
  • Moltiplicazione: dai semi in primavera o in estate, introducendoli in un sacchetto ermeticamente chiuso con vermiculite e avvicinandoli ad una fonte di calore (non deve superare i 30ºC), oppure separando i gambi in primavera.

Problemi con la palma

Punteruolo rosso su una foglia di palma

parassiti

  • Ragno rosso: lascia piccoli punti o macchie bianche sulla parte superiore delle foglie e si vede una ragnatela. Viene trattato con Abamectin o Dicofol. (Vedi il file).
  • Cocciniglie: si depositano sulle foglie e sui fusti, provocando la comparsa di macchie gialle dovute all'aspirazione. Sono trattati con un insetticida anticalcare.
  • Punteruolo rosso: le larve di questo tonchio crescono mentre si nutrono all'interno del capitello, indebolendo sempre più la pianta. Uno dei primi sintomi è la deviazione della foglia centrale. Puoi anche sospettare che abbia se vedi le foglie morse, fibre che escono dal gambo. Si combatte con Imidacloprid e Chlorpyrifos, (un mese uno e l'altro) durante la primavera, l'estate e l'autunno. (Vedi il file).

Malattie

  • Marciume rosa: sugli steli compaiono macchie necrotiche. Le foglie più vecchie muoiono molto rapidamente, prima ingialliscono e poi si seccano. I trattamenti preventivi possono essere eseguiti con Triforin.
  • Fusariosi: le foglie basali assumono una tonalità grigio giallastra, finché alla fine si secca e la pianta muore. Può essere trattato con Benomyl.
  • fitoftora: è responsabile della morte di molte giovani piante. Le foglie si asciugano velocemente finché, nel giorno meno previsto, le tiri su e fuoriescono molto facilmente. Può essere prevenuto evitando ristagni d'acqua e facendo trattamenti con Fosetil-Al.

A cosa servono?

Palma di Cocos nucifera

Per decorare giardini e cortili, ovviamente 🙂. No, non servono solo a questo. Ci sono molte specie che producono frutti commestibiliCome Phoenix dactylifera cosa abbiamo visto o il file Cocos nucifera (albero di cocco). Le foglie servono per costruire i tetti in molte regioni, inoltre di fare strumenti domesticie anche per il lavoro sul campo.

Con la linfa, che viene rilasciata tagliando le foglie e le infiorescenze di alcune specie, le bevande sono preparate, come il vino di palma. Da alcuni frutti si ottengono oli, margarina, miele e sapone.

Si tratta quindi di piante di singolare bellezza che hanno una grande utilità per l'essere umano. Cosa ne pensate delle palme?


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   cristobal suddetto

    Ciao a tutti, ho 4 palme delle Isole Canarie a cui vengono date foglie giallastre con macchie marroni, avete qualche consiglio su come recuperare il loro colore verde bello come hanno queste palme. Grazie in anticipo.

  2.   Roberto Ovale suddetto

    Ho una palma da interno e l'hanno capovolta dal vaso e ho notato che le sue foglie si stanno seccando e cadendo, cosa posso fare?

    1.    Anonimo suddetto

      Di cosa si nutrono

      1.    Monica Sanchez suddetto

        Hey.

        Le radici delle palme ottengono nutrienti dal terreno. Ma anche le sue foglie fanno la fotosintesi, che è un processo che consiste nel trasformare l'energia del sole in cibo (fondamentalmente, zuccheri).

        Saluti.