Quante specie di piante ci sono nel mondo?

Nella giungla ci sono molti tipi di piante

Siamo estremamente fortunati a vivere in un mondo in cui la vita, sia animale che vegetale, esiste in gran parte del globo. Entrambi i regni coesistono in armonia, creando spesso relazioni simbiotiche per aiutarli ad adattarsi meglio al loro habitat naturale.

ma, Ti sei mai chiesto quante specie di piante ci sono? Questa è una domanda molto interessante, senza dubbio, che finalmente ha una risposta, anche se non sappiamo se sia definitiva 😉.

Quante specie ci sono nel mondo?

Ci sono molti tipi di specie vegetali in una giungla

Nel 2011 un team di scienziati voleva sapere quante specie erano state scoperte fino ad oggi e ci sono riusciti. Al momento si sa che sono 8,7 milioni, di cui 6,5 milioni terrestri e 2,2 milioni acquatici. Di quel numero incredibile, 7,77 milioni sono specie animali, 298.000 specie vegetali e 611.000 specie fungine. Tuttavia, secondo le stime degli esperti, circa l'86% delle specie terrestri e il 91% delle specie marine devono ancora essere scoperte.

Cosa significa questo? Bene, fondamentalmente, cosa sappiamo molto poco delle diverse forme di vita che abitano questo bellissimo pianeta, l'unico fino ad oggi che sappiamo che ospita la vita. Non sorprende quindi che di tanto in tanto venga annunciata la scoperta di una nuova specie animale o vegetale.

Quali tipi di piante esistono?

Ce ne sono di diversi tipi: alberi, palme, conifere, arbusti, erbe aromatiche, scalatori, felci, muschi ... Ognuno di loro ha le sue caratteristiche che li rendono unici, ma hanno tutti qualcosa in comune: svolgono la fotosintesi; cioè trasformano l'energia del sole in cibo. In tal modo rilasciano ossigeno, senza il quale nessuno di noi sarebbe qui oggi.

Questo è il motivo per cui vi mostreremo alcuni esempi di piante, in modo che anche voi possiate essere sorpresi di quanto possa essere meraviglioso il Regno delle piante.

Ma quali sono le sue caratteristiche principali?

Alghe

Le alghe sono primitive

La storia evolutiva delle piante inizia con la comparsa delle alghe, prima quelle unicellulari, che sono costituite da un'unica cellula, e successivamente quelle multicellulari. Dove vivono? Ebbene, in passato vivevano solo in mare, ma man mano che si sviluppavano apparivano specie sempre più complesse, che producevano steli capaci di fotosintesi al di fuori dell'acqua di mare ... ma molto vicini ad essa.

Si ritiene che le prime alghe, la cosiddetta Archaeplastida, è apparso poco più di 1.500 milioni di anni faMentre le alghe rosse, che sono state quelle che si sono diversificate per dare origine alle specie che conosciamo oggi, risalgono a circa 1.200 milioni di anni fa.

Tipi di specie di alghe

Questi sono alcuni:

Condro croccante
Vista dell'alga Chondrus crispus

Immagine - Wikimedia / Chondrus crispus

Al Condro croccante È noto come muschio irlandese ed è un tipo di alga rossa originaria delle coste atlantiche dell'Europa e del Nord America. Le sue false foglie derivano da uno stelo molto ramificato e tutto è di colore rossastro.

ulva lactuca
Vista dell'alga Ulva lactuca

Immagine - Wikimedia / H. Krisp

Conosciuta come lamilla o lattuga di mare, la ulva lactuca È un'alga a tallo verde laminare (falsa foglia a forma di lenzuolo), lobata e con due strati di cellule che viene fissata al suolo mediante rizoidi. Cresce fino a misurare 18 cm di lunghezza per oltre 30 cm di larghezza.

Moss

Il muschio è una pianta primitiva

I muschi, la cui altezza massima è di 10 centimetri, sono piante molto curiose. In senso stretto sono un tipo di piante briofite non vascolari (cioè non hanno gli occhiali all'interno, a differenza di tutti gli altri che andremo a vedere), di foglie verdi ... solo se piove.

Per questo li troviamo sui tetti di case, rocce, muri, muri, tronchi d'albero, ... ovunque ci sia poca acqua per un tempo più o meno prolungato.

Tipi di specie di muschio

Questi sono alcuni:

Polytrichum rigoroso
Veduta del Polytrichum strictum

Immagine - Wikimedia / Helenaanna

Al Polytrichum rigoroso È noto come muschio per capelli, grano di uccello o grano di piccione e ha numerosi peli che lo ricoprono. Le foglie sono appuntite e sono disposte a spirale diritta attorno a un fusto rigido, che raggiunge un'altezza da 4 a 20 centimetri.

Sfagno fallax
Vista del muschio Sphagnum fallax

Immagine - Wikimedia / Helenaanna

Conosciuto come sfagno, o sfagno, il Sfagno fallax È una pianta originaria dell'emisfero settentrionale, che consiste in uno pseudostem principale da cui derivano rami in fascicoli, con 2-3 rami estesi e 2-4 rami verdi pendenti.

odori

Le erbe sono un tipo di pianta di grande successo

Quando parliamo di erbe di solito ci riferiamo all '"erba", ovvero l'erba del campo. Ma cosa succederebbe se ti dicessi che possono essere classificati in base al loro tipo di foglia e che questa è solo una differenziazione da molte altre che possono essere fatte? Non preoccuparti, non lo complicherò:

Esistono due tipi di erbe: a foglia stretta, che sono graminoidi (erbe) come tutti quelli che possono essere usati per l'erba ad esempio, e quelli a foglia larga che si chiamano forbias. All'interno di quest'ultimo gruppo troviamo le megaforbie o erbe giganti, che è dove il palme o le muse (banani).

La loro aspettativa di vita quindi varia notevolmente:

  • annuale: germinano, crescono, fioriscono, danno frutti e muoiono in un anno (un po 'meno in realtà). Esempi: mais, melone, pisello.
  • Semestrali: durante il primo anno germinano e crescono, nel secondo fioriscono, producono frutti e muoiono. Esempi: digitale, prezzemolo, spinaci o carote.
  • Vivace o perenne: sono quelli che vivono 3 anni o più (certe palme superano addirittura un secolo di vita). A seconda del tipo di specie vegetale, può iniziare a fiorire già nel primo anno di vita, o molto più tardi. Ad esempio la palma da dattero produce i suoi primi fiori a 5-7 anni se le condizioni sono favorevoli, ma il geranio pochi mesi dopo la semina può fiorire (parlo per esperienza). Esempi: garofano, gazania, uccello del paradiso, palme, bromelie e bulboso, fra le altre.

Specie di piante erbacee

Ti mostriamo quanto segue:

Cucumis melo

Il melone è un tipo di pianta annuale

El Cucumis meloConosciuto come melone, ed è un'erbacea a ciclo annuale originaria dell'Iran, dell'Anatolia e del Caucaso. Sviluppa fusti striscianti, con foglie palmate che producono fiori gialli e, dietro di loro, frutti da sferici a bacche ellissoidali adatte al consumo umano.

Digitalis purpurea

Foxglove è un tipo di erba biennale

Le specie Digitalis purpureaConosciuto come digitale, digitale, ventose, viluria o guanto di sfida, è un'erba biennale originaria dell'Europa, dell'Africa nord-occidentale e dell'Asia centrale e occidentale. Sviluppa un lungo fusto alto tra 0,50 e 2,5 metri, dal quale spuntano foglie dentate, semplici ed alterne. I fiori sono raggruppati in grappoli pendenti e sono tubolari, rosa intenso all'esterno e viola all'interno.

gazania congelata

La Gazania è un tipo di pianta perenne

La Gazania o gazania congelata, è una pianta perenne o perenne originaria del Sud Africa e del Mozambico raggiunge un'altezza massima di 30 centimetri. Le foglie sono allungate, verdi nella parte superiore e biancastre nella parte inferiore. I fiori assomigliano a margherite, aprendosi solo quando c'è il sole.

Felci

La felce è una pianta perenne

Le felci sono considerate fossili viventi, poiché sono apparse circa 420 milioni di anni fa. Si tratta di un tipo di piante vascolari che non producono semi (ma spore), rizomatose, e con grandi foglie chiamate fronde o megafili, normalmente pennate, di colore verdastro o variegate. L'altezza è variabile a seconda della specie: possono crescere solo fino a 20 centimetri di altezza, oppure possono superare i 5 metri come felci arboree che, come suggerisce il nome, sono quelli che hanno la forma di un albero sviluppando un falso tronco.

Il loro habitat naturale sono solitamente le foreste e soprattutto le giungle tropicali, all'ombra degli alberi e dove l'umidità ambientale è elevata.

Specie di felce

Ti mostriamo questi:

Ciatea arborea
Cyathea arborea è un tipo di felce arborea

Immagine - Wikimedia / Xemenendura

Conosciuta come la felce gigante o il bastone di gamberetti, il Ciatea arborea È una specie di felce sempreverde quella raggiunge un'altezza di 9 metri. È originario delle pianure e delle foreste delle Antille, e sviluppa una chioma composta da un minimo di dieci fronde (foglie) pennate e senza spine.

pteris cretica
La Pteris cretica è una felce corta

Immagine - Wikimedia / Rexness da Melbourne, Australia

El pteris cretica È una felce originaria dell'America con un rizoma un po 'strisciante, che raggiunge un'altezza compresa tra 15 e 80 centimetri. Le fronde sono pennate, verdi con un centro bianco.

conifero

Le conifere sono piante molto longeve

Le conifere sono piante molto belle. Non producono fiori vistosi, ma è proprio questa una delle caratteristiche che li rendono unici. Sono uno dei più antichi tipi di piante, che appaiono sulla Terra circa 300 milioni di anni fa.

Questo gruppo di piante ha generalmente il tronco diritto ed è spesso molto alto, superando i 30 metri di altezza. La sua chioma può essere piramidale o piuttosto arrotondata, composta da foglie allungate più o meno corte, di colore verdastro e con comportamento perenne, semimaturo o deciduo. I suoi frutti sono quelli che erroneamente chiamiamo ananas (da non confondere con la pianta di ananas, il cui nome scientifico è Ananas Comosus che è una bromelia), ma possono essere coni.

Essendoci evoluti per così tanto tempo, e avendo superato glaciazioni e tutti i tipi di fenomeni naturali, oggi possiamo goderci la bellezza delle foreste di abeti artici, la longevità trasformata in crepe nel tronco contorto del Pinus longaeva nelle montagne degli USA, le incredibili altezze delle sequoie giganti d'America, oi deliziosi pinoli del alberi di pino, una specie autoctona del Mediterraneo.

Specie di piante di conifere

Ti mostriamo quanto segue:

Cupressus sempervirens
Il cipresso comune è una conifera

Immagine - Wikimedia / Jerzy Strzelecki

Conosciuto come il cipresso comune o cipresso mediterraneo, il Cupressus sempervirens è una conifera sempreverde originaria del Mediterraneo orientale. Raggiunge un'altezza di 30 metri o più, con una tazza che può essere piramidale o orizzontale. Le foglie sono squamose e formano un fogliame verde scuro molto denso. La sua aspettativa di vita è di circa 1000 anni.

Pinus longaeva
Pinus longaeva è una conifera sempreverde

Immagine - Wikimedia / J Brew

El Pinus longaeva, noto come pino longevo, è originario delle montagne degli Stati Uniti sudorientali. Cresce tra i 5 ei 15 metri, con un diametro del tronco fino a 3,6 metri. Le foglie sono aciculari, rigide, lunghe fino a 4 cm e di colore verde scuro. La sua aspettativa di vita, come suggerisce il nome, è molto lunga: il 6 agosto 1964, uno studente laureato tagliò Prometeo, un esemplare che aveva più di 5000 anni.

alberi

Gli alberi sono piante alte e legnose

Gli alberi sono un tipo di pianta che ha un fusto legnoso chiamato tronco con una corona ramificata che ha un ramo principale chiaro. L'altezza che raggiungono varia a seconda della specie, ma gli esperti di solito concordano sul fatto che hanno un'altezza minima di 5 metri e uno spessore del tronco di almeno 10 centimetri.

Se parliamo delle foglie, possono essere decidue, semidecidue o perenni; grande, medio o piccolo; semplice o composto da diversi volantini (volantini), ... e normalmente di colore verde, ma può anche essere bruno-rossastro (Fagus sylvatica var. atropurpurea per esempio li ha di quel colore).

Dove vivono? In tutto il mondo, tranne in luoghi estremi. Ci sono quelli che vivono nelle foreste tropicali secche, come il Tortilis di acacia o alla adansonia digitata (baobab); altri che preferiscono climi più temperati con inverni freddi, come la stragrande maggioranza dei aceri o le querce; altri, invece, come estati molto calde e temperature miti in inverno, come il carrubo o il mandorlo.

Gli alberi "moderni" hanno iniziato la loro evoluzione nel periodo Cretaceo, cioè circa 145 milioni di anni fa. A quel tempo erano uno dei protagonisti della nascita del piante di angiosperme, cioè piante con fiori vistosi che, inoltre, proteggono in qualche modo i loro semi in modo che non siano così esposti alle intemperie.

Le conifere sono considerate alberi?

, ma ho voluto metterli separatamente per i seguenti motivi che spiegherò in modo che non ci siano malintesi:

  • Le conifere iniziarono ad evolversi nel periodo Triassico, come abbiamo detto prima circa 300 milioni di anni fa. A quel tempo, le piante con fiori allegri non esistevano ancora, ei semi dal primo momento che sono caduti (e cadono) a terra devono germogliare rapidamente non appena si presenta l'opportunità di sopravvivere.
  • Gli alberi moderni sono tutte piante di angiosperme; le conifere invece lo sono gimnosperme. Esiste una sola specie di albero primitivo più correlato alle conifere che agli alberi moderni: il Ginkgo biloba.
  • Le foglie degli alberi sono "più deboli" rispetto alle conifere. Una foglia d'acero (ad esempio) non sopravviverebbe al rigido inverno artico.
  • Il tasso di crescita tra l'uno e l'altro è, in generale, molto diverso. Le conifere tendono ad essere più lente, mentre gli alberi sono un po 'più veloci.
  • Anche l'aspettativa di vita è molto diversa. Una pianta, più lentamente cresce (e fintanto che la lentezza fa parte di ciò che la sua genetica impone) vive più a lungo di una che cresce velocemente. Ecco perché possiamo trovare sequoie 3200 anni, ma è molto difficile trovare un albero che abbia più di 1000 anni. Entrambe le età sono sorprendenti e impossibili da raggiungere per gli esseri umani, ma senza dubbio penso che questo sia qualcosa di cui tenere conto quando si parla di alberi e conifere.

Specie arboree

Alcune specie più rappresentative sono:

Agrume x sinensis
L'arancio è un albero da frutto

Immagine - Wikimedia / Jean-Pol GRANDMONT

Popolarmente chiamato arancione, la Agrume x sinensis È un albero sempreverde originario dell'India, del Pakistan, del Vietnam e della Cina sud-orientale. Cresce fino a un'altezza massima di 10 metri, con tronco corto e chioma composta da rami da cui spuntano foglie grandi, semplici, di colore verde scuro. I fiori sono piccoli, circa 1 cm, bianchi e molto profumati. E i frutti sono arrotondati, di colore arancione e con polpa commestibile.

Prunus

Il mandorlo è un albero da frutto deciduo

Conosciuto come mandorla, la Prunus È un albero deciduo originario dell'Europa orientale, dell'Asia occidentale e del Nord Africa. Raggiunge un'altezza di 10 metri, con un tronco leggermente attorcigliato e una corona ampia e quasi arrotondata. Le foglie sono ovate, con margine seghettato e di colore verde. I fiori sono bianchi o rosa, lunghi 1-2 cm e inodori. I frutti sono mandorle, lunghe circa 1-1,5 cm, costituite da un guscio duro che può rompersi facilmente colpendolo con una pietra di colore bruno che protegge un solo seme, quest'ultimo commestibile.

Arbustos

Le azalee sono arbusti sempreverdi

Passiamo ai cespugli. Sono piante che, a differenza degli alberi, non hanno un unico stelo principale, ma ne hanno diversi che derivano dalla stessa base. Per quanto riguarda la loro altezza, misurano fino a 5 metri, anche se ce ne sono molti che non superano il metro.

Le foglie possono essere decidue o sempreverdi, piccole o grandi, e di colori molto diversi (verde, rossastro, viola, variegato, tricolore, ...). Nei vivai ne troviamo tanti che producono fiori davvero belli, come l'azalea per esempio, o la camelia.

Arbusti che non sono così

Cycas revoluta è una specie di falso arbusto

Immagine - Flickr / brewbooks

Esistono alcune piante che, pur rispondendo in buona parte a queste caratteristiche, non possono essere considerate abusto in quanto tali. Sono chiamati subshrubs, che sono quelle piante che nel linguaggio popolare sono conosciute come cespugli legnosi (o semplicemente cespugli) o arbusti. A differenza dei cespugli diremo vero, questi hanno steli molto corti e sembrano più una pianta erbacea cos'altro, come il lavanda o timo.

Per complicare un po 'di più le cose, è consuetudine includere in questo gruppo alcune piante che non hanno molte relazioni. Sicuramente per comodità e praticità. Per esempio, cicadee, cioè tutte quelle Cycas, Dioon, Encephalartos e simili. Perché dico che questi non sono classificati troppo bene tra i cespugli?

Perché con loro succede la stessa cosa che con le conifere: sono piante molto vecchieSono stati infatti ritrovati resti risalenti a circa 280 milioni di anni fa; sono gimnosperme (Non proteggono i semi né producono fiori vistosi); e la sua aspettativa di vita è molto più lunga di quella di un arbusto moderno a causa del suo lento tasso di crescita: One Cycas rivoluzionataAd esempio, a condizione che le condizioni siano giuste, può raggiungere i 300 anni, mentre un arbusto comune è difficile da superare i 100.

Specie vegetali arbustive

Ti mostriamo le seguenti specie:

Veronica ocracea

La Veronica ocracea è un arbusto perenne

Nel Veronica ocracea È noto come veronica o hebe, ed è un arbusto sempreverde endemico della Nuova Zelanda raggiunge un'altezza massima di 2 metri. Le sue foglie sono sottili e lunghe, di colore verde, ei fiori sono raggruppati in infiorescenze bianche.

Hibiscus rosa sinensis

La rosa cinese è un arbusto sempreverde

El Hibiscus rosa sinensis è una specie nota come rosa cinese, ibisco, pepe di Caienna o papavero (da non confondere con l'erba Papaver rhoeas) ed è un arbusto sempreverde originario dell'Asia orientale. Raggiunge un'altezza da 2 a 5 metri, con foglie larghe e picciolate verde scuro. I fiori sono larghi da 6 a 12 cm e sono di vari colori: giallo, rosa, rosso, multicolore.

Scalatori

Gli rampicanti sono piante perenni

Gli rampicanti sono quei tipi di piante che crescono sopra altre piante (solitamente alberi alti) per raggiungere la luce solare. A seconda del grado di parassitizzazione, abbiamo:

  • Piante epifite: sono quelli che usano gli altri come supporto, come il gelsomino o bouganville.
  • Hemiepiphyte: sono quelle che sono epifite solo all'inizio della loro vita, cioè quando le loro radici crescono verso il basso e penetrano nel suolo. Da quel momento in poi diventeranno piante strangolatrici, come la Ficus benghalensis, o alcune specie di Clusia.
  • Hemiparasite: sono piante parassite, cioè traggono nutrimento da altre piante, ma possono svolgere la fotosintesi in un certo modo.
    Esistono diversi tipi di parassitismo:
    • Forzato: quando non puoi vivere senza un host. Esempio: Album Viscum.
    • Facoltativo: quando puoi porre fine alla tua vita che tu abbia o meno un host. Esempio: Rhinanthus.
    • Fusti: sono quelli che si fissano sul fusto della pianta ospite.
    • Radici: sono quelle che si fissano nelle radici delle piante ospiti.
    • Oloparassiti: sono quelle che dipendono completamente da altre piante in quanto prive di clorofilla, senza la quale è impossibile effettuare la fotosintesi. Esempio: Hydnora (radice) o tregua europea (di stelo).

Specie rampicante

Qui ve ne mostriamo alcuni:

Gelsomino officinale

Il Jasminum officinale è un innocuo rampicante

El Gelsomino officinale un'epifita sempreverde originaria del Caucaso, dell'Iran settentrionale, dell'Afghanistan, del Pakistan, dell'Himalaya, dell'India, del Nepal e della Cina occidentale. Raggiunge un'altezza di sei metri se appoggiatoe dai suoi steli spuntano foglie composte da 5-9 foglioline verdi. I fiori sono raggruppati in racemi ascellari e sono bianchi.

Ficus benghalensis
Il fico strangolatore è un rampicante emieepifita

Immagine - Flickr / Scott Zona

È noto come strangler fig o banyan tree, ed è una pianta emiepifita. Il seme spesso germina in un buco in un ramo di un grande albero e quando le radici raggiungono il suolo la pianta inizia a crescere rapidamente, rimuovendo i nutrienti dall'albero ospite.

Man mano che cresce, le radici del fico acquistano forza, e anche dimensioni, e gradualmente "strangolano" l'albero. Nel tempo i rami del Ficus hanno prodotto così tante foglie che l'albero che lo sostiene finisce per morire per mancanza di luce… e di sostanze nutritive. Una volta che accade, il suo tronco marcisce, ma il fico ha formato una rete di radici così solida che non cade, ma forma una specie di tronco cavo.

Questa pianta assassino è endemico in Bangladesh, India e Sri Lanka. La sua dimensione è variabile, ma può estendersi per diverse migliaia di metri. Nel Giardino Botanico di Calcutta ce n'è uno che si stima abbia più di 230 anni e occupa un'area di 12.000 metri quadrati.

Album Viscum

Viscum album è una pianta parassita

Conosciuto come vischio bianco o viscido, il Album Viscum È una pianta emiparassitica obbligata originaria dell'Europa, dell'Asia occidentale e meridionale e dell'America. Cresce sui rami degli alberi decidui, come il pioppo, sebbene sia visto anche su alcuni Pinos. Sviluppa fusti dicotomici lunghi fino a 1 metro e le sue foglie sono giallo-verdastre, lunghe da 2 a 8 cm.. I suoi fiori sono giallo-verdastri e misurano 2-3 mm di diametro. Il frutto è una piccola bacca bianca, gialla o traslucida.

Piante grasse

Le piante grasse sono piante resistenti alla siccità

Immagine - Flickr / Pamla J. Eisenberg

Sono piante che si sono adattate a vivere in alcune delle zone più calde e aride del mondo. Nonostante siano presenti alberi, arbusti e altri tipi di piante che hanno qualche parte succulenta, in quanto tali ci riferiamo solo a cactus e piante grasse. L'origine di questi risale al periodo Cretaceo, tra 80 e 90 milioni di anni fa. A quel tempo erano piante con foglie, fiori e semi, che vivevano in quello che ora è il Sud America e l'Africa, ma che una volta era il Gondwana (era un ex blocco continentale costituito dalle masse continentali dell'attuale Africa, Sud America , Australia, Nuova Zelanda, Hindustan, Madagascar e Antartide, che hanno avuto origine con la divisione di Pangea in due più di 200 milioni di anni fa).

A causa del costante movimento delle placche tettoniche, a poco a poco e nel corso di migliaia e milioni di anni, Il Sud America e l'Africa furono separati, venendo lentamente portati nella loro attuale posizione geografica. In tal modo, le condizioni climatiche di quei luoghi sono cambiate, costringendo le piante grasse americane ad adattarsi modificando le loro foglie per le spine fogliari e ad avere un corpo capace di fotosintesi; D'altra parte, le donne africane trasformavano le foglie e / o gli steli in "riserve" d'acqua.

Così, quelli americani hanno dato origine ai cactus e questi ultimi alle piante grasse.

Nell'era moderna possiamo vedere queste piante nel deserto o vicino a regioni desertiche. Ad esempio, in paesi come Messico, Cile e Argentina, c'è una grande diversità di cactus. Ad esempio, delle oltre 350 specie di Mammillaria che sono accettati, che è il genere più esteso di cactus, la maggior parte sono originari del Messico. D'altra parte, le Lithops sono uno dei più grandi generi di piante grasse, poiché è composto da 109 specie, tutte originarie dell'Africa meridionale.

Le piante grasse sono piante che sono preparati per resistere alle alte temperature tipiche dei deserti e non vogliono molta acqua. Questo è il motivo per cui sono così popolari, dal momento che di solito non crescono molto (con poche eccezioni). La cosa normale è che non superino i 40, 50 o 60 centimetri di altezza, sebbene esistano alcune specie di cactus colonnari, come il La gigantesca carneficina (saguari), che superano i 5 metri.

Differenze tra cactus e piante grasse

È molto facile confonderli, perché sì, sappiamo che i cactus hanno le spine ... ma in certi casi non è così (come Astrophytum asterias). Quindi, in modo che non ci siano dubbi, ti dico che quello che devi guardare per sapere se è cactus o grossolano è nel seguente:

  • Areola: da esse spuntano spine e fiori, generalmente pelosi. Sono presenti solo nei cactus.
  • costolette: le costole possono essere più o meno marcate, più o meno irregolari. Sia i cactus che alcune piante grasse possono averli, ma nel primo si distinguono molto meglio.
  • Fogliame: sono carnosi, generalmente di colore chiaro. Solo pochi idioti li hanno.

Specie di piante succulente

Qui ve ne mostriamo alcuni:

Copiapoa cinerea
La Copiapoa cinerea è un cactus

Immagine - Wikimedia / H. Zell

La Copiapoa cinerea È una specie di cactus dal corpo globoso-cilindrico ben armato di spine. I fiori sono gialli e spuntano dall'apice dello stelo. È endemico in Cile e può raggiungere un'altezza di circa 50-60 centimetri.

Echeveria elegans
L'Echeveria elegans è una pianta succulenta

Immagine - Flickr / stephen boisvert

La Echeveria elegans è una pianta succulenta originaria del Messico centrale che forma una rosetta di foglie fino a 10 centimetri di diametro, senza gambo / tronco. I suoi fiori spuntano da un gambo corto e sono arancioni.

E con una breve riflessione concludiamo:

È interessante conoscere le piante, ma anche è molto importante rispettarli. Attualmente è stato disboscato a un ritmo troppo veloce. Se continuiamo così, quando ci rendiamo conto che i soldi non possono essere mangiati, sarà troppo tardi.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   dioniss suddetto

    Mi direbbero quali fiori esistono