9 tipi di piante monocarpiche

Le piante monocarpiche sono quelle che muoiono dopo la fioritura

Ti sei mai chiesto perché, ad esempio, la tua pianta Sempervivum dopo la fioritura è morta? Non è perché c'era qualcosa nella coltivazione che ha fallito, no, niente di tutto ciò. Quello che è successo è che la tua pianta lo è monocarpico. Questa parola che può sembrare complessa ha un significato semplice.

È un fenomeno evolutivo di alcune piante, molto suggestivo per l'uomo ma importante per la sopravvivenza della specie. Vediamo in cosa consiste e cosa sono le piante monocarpiche. per cui sono passati alcuni anni dalla germinazione del seme, la pianta spende tutte le sue energie per fiorire e produrre semi. Una volta che la fioritura sta per finire, a poco a poco le foglie stanno morendo, e più tardi il tronco o il gambo se lo avesse.

Cos'è il monocarpismo?

Il monocarpismo è una strategia evolutiva che molte piante hanno messo a punto, la maggior parte delle quali originarie di regioni molto calde o, al contrario, molto fredde, aride o semi-aride. Queste piante vivono per diversi anni fino a quando non fioriscono, ma quando alla fine lo fanno, di solito producono uno stelo fiorale che raddoppia o talvolta triplica in altezza totale, da cui spuntano numerosi fiori.

Per questo la pianta spende moltissima, molta energia, ma questa energia si è accumulata da quando è germogliata quando era un seme. Fin qui tutto bene, ma Dopo la fioritura, producono frutti con semi, e questo è ciò che li fa morire.

Tipi di piante monocarpiche

Ci sono molte piante che fioriscono solo una volta nella vita e poi muoiono. È interessante conoscerli perché, così, se decidiamo di coltivarli, sapremo che non dovremo preoccuparci quando sarà il momento.

Aecmea (Aechmea, tutte le specie)

Aechmea è una bromelia a fiore terminale

Le aecmea sono bromeliacee monocarpiche, che vivono pochi anni e poi fioriscono. Ma poiché producono numerosi polloni, non è un problema, poiché questi polloni crescono rapidamente. La specie più coltivata è la Aechmea fasciata, che è originario del Brasile. Hanno foglie larghe e lunghe, circa 10 x 60 centimetri.

L'infiorescenza ha forma piramidale, ed è composta da tanti fiori triangolari e rosa. Questo rimane aperto per circa sei mesi; più tardi, appassisce. Ma in più, produce semi, che possono essere seminati al momento o in primavera.

Devono essere tenuti all'ombra, a meno che tu non voglia coltivarlo in casa, nel qual caso lo posizioneremo in una stanza con luce. Non sopporta il gelo.

Guzmania wittmackii

La Guzmania è una bromelia monocarpica

Immagine - Wikimedia / David J. Stang

La Guzmania wittmackii È un tipo di bromelia naturale proveniente dalla Colombia e dall'Ecuador. Di abitudine epifita, sviluppa foglie lunghe fino a 80 centimetri per 3 centimetri di larghezza, formando una rosetta che nasce da un corto stelo. Quando fiorisce, lo fa producendo una punta di fiore alta fino a 100 centimetri, con molti fiori bianchi che rimangono aperti per quattro mesi.

In coltivazione va tenuto all'ombrao al chiuso con molta luce. Richiede elevata umidità e protezione dal gelo.

Palma a coda di pesce (Un cariota in fiamme)

La Caryota urens è una palma tropicale monocarpica

La palma a coda di pesce è una pianta molto interessante. Altre palme hanno foglie bipennate, ma questa ha anche foglioline a forma di cuneo, che conferisce loro un aspetto davvero curioso. Può misurare tra i 15 ei 20 metri di altezza, e sviluppa un tronco diritto e piuttosto sottile di circa 30 centimetri di spessore.

È originario dell'India, del Myanmar, della Malesia e dello Sri Lanka e produce frutti pungenti, di forma globosa che finiscono per essere nere a maturità. Il suo tasso di crescita è lento, ma può vivere per diversi decenni prima della fioritura.

L'unica cosa, hai bisogno che il tempo sia caldo e umido. I giovani esemplari hanno bisogno di ombra, ma gli adulti possono essere in penombra. Resiste fino a -2ºC.

Tahina spettacolare

La Tahina spettacolare è un'altra palma monocarpica. È originario del Madagascar, può essere alto circa 10 metri, e sviluppa foglie a forma di ventaglio che misurano 5 metri di diametro. Quando fiorisce, produce un'infiorescenza simile a un candelabro alta 4,5 metri.

È un fatto curioso, dillo è stato scoperto nel 2007. E purtroppo è in pericolo di estinzione. Dal 2008 viene coltivato, prima in Kew, e successivamente anche per mano di alcuni fortunati giardini botanici, come il Palmetum di Santa Cruz de Tenerife.

È molto sensibile al freddo. Dovrebbe essere coltivato solo in climi tropicali e subtropicali.

Ensete (tutte le specie)

Gli ensete sono erbe giganti

Immagine - Flickr / Drew Avery

Le piante del genere Ensete sono simili ai banani (Musa sp), ma non hanno radici rizomatose e fioriscono una sola volta nella vita, cioè possono essere moltiplicate solo per i semi che producono dopo diversi anni di crescita. Sono originari dell'Africa tropicale e dell'Asia e possono essere alti circa 7 metri. Le foglie sono molto grandi, lunghe fino a 5 metri per 1 metro di larghezza, e crescono molto velocemente.

I frutti possono essere mangiati, ma si dice che non abbiano quasi nessun sapore. Ciò che è molto apprezzato in alcune regioni è la radice. Questo può pesare fino a 40 kg, quindi serve da cibo per molte famiglie. Nella coltivazione sono piante che richiedono molta acqua. Ho un Ensete ventricosum 'Maurelli' nel terreno e sono sicuro che potrei annaffiarlo tutti i giorni e non avrebbe problemi di funghi o altro. Ora lo innaffio due volte a settimana in estate ed è ancora molto carino.

Resistono a gelate brevi e specifiche, fino a -2ºC. Il vento rovina le sue foglie.

Cosa sono le piante grasse monocarpiche?

Se sei un collezionista di piante grasse o vuoi sapere se ne hai di monocarpiche, allora ti diremo quali sono quelle che fioriscono e muoiono:

agave americana

L'agave americana è monocarpica

Immagine - Flickr / Lino M

El agave americana o l'agave gialla è una pianta che si distribuisce principalmente nelle zone aride del continente americano. Ha foglie succulente lunghe fino a 2 metri per 25 centimetri di larghezza., normalmente di colore verde ma può essere variegato (verde con margine giallo).

Fiorisce una volta nella sua vita producendo un enorme gambo di fiore alto fino a 10 metri con innumerevoli fiori gialli. In Spagna è considerata una specie invasiva.

Furcraea (tutte le specie)

Furcraea sopporta la siccità

Le fique, come vengono chiamate nel linguaggio popolare, sono piante autoctone dell'America tropicale, tipiche delle regioni aride. Sviluppano un fusto diritto da cui spuntano foglie simili a quelle delle agavi: triangolare, con una punta acuminata e verde o grigio-verde. I fiori emergono da un infioratore a forma di pannocchia.

Sono ideali per la coltivazione in giardini soleggiati e che richiedono poca manutenzione, poiché resistono bene alla siccità. Cosa c'è di più, resistere a gelate miti, anche la specie Furcraea foetida 'Mediopicta' regge fino a -4 ° C.

Sempervivum (tutte le specie)

Sempervivum sono piante grasse monocarpiche

Gli Sempervivum Sono piante che vengono utilizzate per rivestire pavimenti o piantate in vasi e / o fioriere. Originariamente dal Marocco all'Iran, attraverso i Balcani, la Turchia e le Alpi. Sono molto resistenti al freddo, tanto da resistere a gelate molto intense. Tuttavia, a loro non piace troppo il caldo; Ecco perché in climi molto caldi dove il sole è molto intenso si consiglia vivamente di averli in penombra.

Hanno una grande tendenza a eliminare i polloni basali, che può essere separato e piantato in vasi singoli.

Kalanchoe thyrsiflora

Kalanchoe thyrsiflora muore dopo la fioritura

Immagine - Wikimedia / Forest e Kim Starr

El Kalanchoe thyrsiflora è una pianta succulenta arbustiva originaria del Sud Africa e del Lesotho. Raggiunge i 50 centimetri di altezza, e sviluppa foglie succulente, tondeggianti, verdi con un margine rossastro (soprattutto se prende il sole tutto il giorno).

L'infiorescenza è una pannocchia con fiori verdastri e raggiunge il metro di altezza. Resiste alle gelate leggere e alla siccità.

Cosa ne pensate di queste piante?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

4 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Raul. suddetto

    Grazie Monica per questo reportage .... Nella casa dei miei nonni c'era una di queste palme imponenti di tutta la vita, nessuno sa chi l'ha piantata o come sia finita lì, la verità è che era già molto alta quando un bel giorno è letteralmente esplosa in fiori sorprendendo tutti i vicini e passanti, poi sono arrivati ​​i frutti e poi la morte di detta amata palma ... Eravamo un po 'rattristati, ma questa tristezza non è durata a lungo perché tutta la zona era afflitta dai loro figli , centinaia di quelli che abbiamo regalato agli interessati senza contare i semi che alcuni vicini hanno raccolto… .Questa è stata la grande eredità che ha lasciato quell'amata palma che, come dici tu "... Spende tutte le sue energie in quella fioritura unica" Grazie voi.

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Raul.
      Che bella storia 🙂, grazie per averla condivisa.
      Quella palma non è andata via: ha lasciato la sua prole nelle mani migliori.
      Congratulazioni.

  2.   Miguel Angelo suddetto

    Per queste piante, è residuo di un'agave, se il fiore viene reciso, possiamo fermare il processo di morte?

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Michelangelo.
      La verità è che non ho avuto modo di verificarlo con l'agave (sì con un Aeonium). Quello che ho ottenuto è allungare un po 'la sua vita, ma non molto di più (alcuni mesi). Alla fine ha finito per togliere il gambo del fiore e ha finito per seccarsi.
      Saluti.