Scilla bifoglia

Scilla bifoglia

Se ti piace avere in giardino piante erbacee perché non richiedono molte cure e la loro manutenzione è veloce, devi conoscere la Scilla bifolia. È una pianta molto presente in Italia, ma anche nell'Europa centrale e in parte dell'Asia.

Vuoi sapere com'è? E di quali cure avrà bisogno? Allora dai un'occhiata alla guida che abbiamo preparato per te su questa pianta. Dobbiamo cominciare?

Com'è la Scilla bifolia?

Piante di Scilla bifolia

Scilla bifolia è conosciuta anche con un altro nome come scilla. È una pianta erbacea il cui habitat naturale è nelle aree boschive dell'Italia, della Francia, dell'Europa centrale e anche dell'Asia. Nel caso della Spagna si trova nella zona dei Pirenei.

Si caratterizza per essere una pianta bulbosa con diverse specie. Quanto a I suoi bulbi sono quasi rotondi. La pianta è capace di crescere fino a 30 centimetri alta e presenta foglie lineari di colore verde brillante. Durante la stagione della fioritura, che avviene da settembre a ottobre, i fiori emergono in grappoli offrendo fiori in gruppi di circa 26, di colore bluastro.

Quello che dovresti tenere a mente è che questa pianta è tossica ovunque, dal fusto alle foglie e ai fiori, e se la tocchi a mani nude molto probabilmente noterai che irrita la pelle. Nonostante ciò, è ampiamente utilizzato come decorazione nei giardini.

Cura della Scilla bifolia

fiore di Scilla

Ora che conosci un po’ la Scilla bifolia è giunto il momento di parlarti della manutenzione. Come vi abbiamo detto prima, dovete tenere presente che è una pianta tossica, quindi se avete in casa animali che di solito stanno in giardino e "fanno le loro cose", non è la pianta che dovreste avere a portata di mano . A parte questo, le cure di cui avrai bisogno sono le seguenti:

Illuminazione e temperatura

Da buona pianta erbacea e selvatica quale è, il posto migliore in cui dovresti averla è all'aperto. Puoi averlo in un vaso o nel terreno. Esso Normalmente viene utilizzato per giardini rocciosi o per formare bordure, ma puoi usarlo come preferisci.

Naturalmente, anche se deve essere all'aperto, non lo consigliamo mettilo in pieno sole. È preferibile la mezza ombra, in modo da avere una parte delle ore al sole e un'altra parte (soprattutto quando il caldo è più forte), all'ombra. Inoltre, non è opportuno piantarla in una zona dove potrebbero esserci gelate, perché ciò farebbe appassire la pianta e il bulbo resterebbe dormiente fino alla primavera successiva.

Per quanto riguarda la temperatura, tollera bene le alte temperature ma, come vi abbiamo detto prima, le perdite non sono tante. Anche così non morirà del tutto, perderà solo il gambo e le foglie e il bulbo rimarrà dormiente finché le temperature non si alzeranno nuovamente.

sottofondo

Il terriccio più adatto per la Scilla bifolia è un misto di sabbia grossolana, terriccio universale e un po' di compost. Se aggiungete anche perlite o simili vi ringrazierà poiché eviterete accumuli d'acqua che potrebbero danneggiare le radici o il bulbo stesso.

Se lo hai in una pentola, la cosa normale è quella cambi il terreno ogni anno, soprattutto se si dissotterrano i bulbi dopo la fioritura per conservarli in un luogo asciutto. In caso contrario, ti consigliamo di cambiarlo ogni due o tre anni per garantire una buona fioritura.

Per quanto riguarda il vaso, non è una pianta che sviluppa molte radici, anzi, non è necessario che sia molto profondo o grande. Un mezzo dovrebbe essere sufficiente. Tutto dipenderà dal numero di bulbi che hai in ogni vaso.

irrigazione

Per quanto riguarda l'irrigazione, la Scilla bifolia è una pianta che resiste molto bene alla siccità. Tuttavia, Durante la primavera e l'estate, se vuoi avere una buona fioritura, dovresti annaffiarla regolarmente. Ovviamente aspettate che il terreno sia completamente asciutto prima di rifarlo.

Una volta fiorito, molti smettono di annaffiarlo per prepararlo all'inverno, facendo sì che il bulbo vada in letargo e durante quei mesi non va annaffiato.

Scilla_bifolia_Rosea_bulbs

Abbonato

Pur essendo una pianta erbacea e selvatica, la Scilla bifolia apprezza un fertilizzante. Ma non mensile o bisettimanale. All'inizio della primavera puoi mettere sopra uno strato di compost o letame. (o se pianti i bulbi).

Ciò contribuirà a fornirgli l'energia per svilupparsi più velocemente e anche per una maggiore produzione di fiori nella fase di fioritura.

Non è necessario aggiungere fertilizzante liquido all'acqua di irrigazione, ma non ti diremo di non apprezzarlo perché non è così. In effetti, può essere positivo che fiorisca.

Parassiti e malattie

Parassiti e malattie nel caso della Scilla bifolia di solito non sono un problema. In effetti, non dovrai preoccuparti dei parassiti perché non ti colpiscono realmente. Per quanto riguarda le malattie, avrai i maggiori problemi con l'irrigazione. Se esageri, puoi far marcire il bulbo e le radici e rimanere senza la pianta. Se ha anche dei figli, anche questi possono morire poiché sono più deboli della pianta madre.

Moltiplicazione

Poiché Scilla bifolia è a pianta bulbosa, il modo migliore per propagarlo è, senza dubbio, in attesa che si sviluppi la prole (piccoli bulbi) attorno alla pianta madre. Se sei uno di quelli che dissotterrano i bulbi in autunno, puoi guardarli e tagliarli (assicurati che sia un taglio netto) per far guarire tutto prima di piantarli di nuovo.

Ogni bulbo può produrre un numero indeterminato di polloni ma tenete presente che questi non durano in eterno. Dopo qualche anno la lampadina si consumerà e ciò la renderà non più utile. Pertanto, è importante prestargli la massima cura per riprodurlo.

Hai il coraggio di avere una Scilla bifolia nel tuo giardino?


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.