Stapelia, una bella pianta dall'aroma sgradevole

Stapelia humilis in fiore

Se c'è una pianta che è molto decorativa ma l'aroma dei suoi fiori non è molto gradevole ... questo è il Stapelia. Questa pianta succulenta o grossolana è una delle più curiose: i petali che ha sono molto belli, tanto che chiunque di noi potrebbe pensare che abbiano un buon profumo, ma quando avviciniamo il naso ci rendiamo conto di esserci sbagliati di grosso .

Nonostante ciò è ampiamente coltivato e spesso viene conservato in collezioni. Sei una delle persone audaci che vogliono averne uno? 

Com'è La Stapelia?

Pianta di Stapelia gigantea

La nostra protagonista è una pianta che puoi trovare nei vivai e nei negozi specializzati, oltre che nei negozi online. Il genere, Stapelia, comprende circa 30 specie originarie dell'Africa meridionale, caratterizzato da steli verdi succulenti che hanno quattro lati e margini seghettati. I fiori sono, curiosamente, la sua principale attrazione: alcuni possono misurare fino a 40cm di diametro, come quelli del S. Gigantea.

L'odore varia a seconda della specie: può essere sgradevole, oppure può essere così intenso che dovremmo girare subito il naso. Anche così, le mosche blu sono attratte da questo aroma, che sono gli stessi che hanno il compito di impollinarle.

Che cura richiede?

Stapelia gigantea in fiore

Se hai il coraggio di acquistarne uno, queste sono le cure che dovresti fornire:

  • Posizione: deve essere in un luogo dove la luce solare non la raggiunga direttamente.
  • sottofondo: è possibile utilizzare un substrato di coltivazione universale miscelato con il 30% di perlite.
  • irrigazione: ogni 2 o 3 giorni in estate e ogni 5-6 giorni il resto dell'anno.
  • Abbonato: è importante concimare durante la primavera e l'estate con un concime per cactus e piante grasse seguendo le istruzioni riportate sulla confezione.
  • trapianto: ogni due anni, in primavera.
  • Moltiplicazione: per seme in primavera-estate o per talea in primavera.
  • Rusticità: è sensibile al freddo e al gelo.

Cosa ne pensi di questa pianta?


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Maria suddetto

    Vorrei tanto poter avere alcuni di vari colori Potrebbe essere? Grazie, scrivimi a plananas51@hotmail.com

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Mary.
      Non vendiamo piante.
      Puoi ottenerli negli asili nido online o su ebay.
      Saluti.

  2.   Annibale Prina suddetto

    Per favore, smettila di chiamare i non cactus "cactus". I generi Stapelia e Huernia appartengono alla famiglia delle Apocynaceae, totalmente filogeneticamente distanti dalle Cactaceae a cui appartengono i veri cactus, che invece sono autoctoni ed endemici dell'America; mentre Stapelia e Huernia sono originarie dell'Africa.

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Annibale.

      Le Stapelia, come ben spieghi, sono piante succulente, o piante grasse non cactus.

      qui parliamo più approfonditamente delle differenze tra cactus e piante grasse.

      saluti

  3.   egberto castro suddetto

    Il fiore è molto bello e particolare, ne ho uno che in questa stagione mi ha regalato 11 fiori.

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Dai, congratulazioni! 11 fiori non si vedono ogni giorno 🙂