Tipi di Aloe vera

L'aloe vera è una piccola succulenta

El Aloe vera è una delle piante succulente più conosciute al mondo. Chi non è stato incoraggiato ad averne una copia in casa o in giardino? Tenendo conto dei suoi numerosi benefici per la salute, e di quanto sia facile prendersene cura, è facile essere tentati di acquistarlo, poiché anche i suoi fiori sono molto appariscenti.

Ma, sebbene sia coltivato frequentemente, è possibile confonderlo con altre specie di aloe o sabilas. Infatti, Si ritiene che ci siano diversi tipi di Aloe vera, ma in realtà ce n'è solo uno. E poi ti diremo come differenziarlo dagli altri.

Perché si dice che esistono diversi tipi di Aloe vera?

Il genere Aloe, che è il gruppo in cui è inclusa la specie Aloe vera, è composto da circa 525 varietà diverse, originarie dell'Africa, del Madagascar e del Medio Oriente. Vivono in regioni secche e calde, spesso alla luce diretta del sole, che in quei luoghi è molto forte.

Come conseguenza del vivere in queste condizioni, si sono evoluti trasformando le loro foglie in magazzini d'acqua, per questo sono carnosi, e per sfruttare l'energia per la crescita solo quando il caldo non è così intenso. Ma così facendo, e poiché sono geneticamente correlate, ci sono molte specie di aloe che si somigliano. In realtà, hanno tutti le stesse caratteristiche:

  • Foglie carnose, di forma più o meno triangolare, e più o meno largo e spesso.
  • fiori di punta, di colore giallo, rosso-arancio o rosso.
  • Molti di loro sono acaules (mancano di gambo), anche se ce ne sono alcuni che sviluppano uno stelo molto corto, come nel caso dell'Aloe vera. È importante dire che fino al 2013 erano incluse le specie arboree, cioè con un vero tronco, ma ora queste fanno parte del genere Aloidendron. Ad esempio, Dicotoma di aloe è ora Aloidendron dicotomo.
  • Produzione di ventose. Lo fanno anche fin da piccoli e in gran numero. Ciò consente loro di "conquistare" aree più rapidamente di altre. Non che siano invasivi di per sé, poiché hanno bisogno di un clima caldo per vivere, terreno ben drenato e ricevere acqua di tanto in tanto. Ma data l'opportunità, potrebbero avere un potenziale invasivo, come il maculato di aloe nella regione mediterranea.

Quindi quali varietà di Aloe vera lì?

Ebbene, se ci concentriamo solo su questa specie, si è creduto a lungo che l'Aloe vera Barbadensis, o Aloe vera Barbadensis Miller, fosse una sottospecie della comune aloe vera. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Vediamo perché:

  • Aloe vera "Barbadensis": era il nome scientifico che gli diede l'orticoltore Philip Miller nel 1768. Oggi è in disuso.
  • Aloe Vera Barbadensis Miller: È un nome errato, poiché Miller è il cognome della persona che lo chiamò per la prima volta più di due secoli fa.

Ma se vogliamo indagare di più nella tassonomia, vedremo che questa pianta è stata anche chiamata:

  • aloe chinensis, in 1877.
  • indica l'aloe, in 1839.
  • Aloe perfoliata var. barbadensis, in 1789.
  • Aloe rubescens, in 1799.
  • Aloe volgare, in 1783.

Anche maculato di aloe y variegato all'aloe, due nomi scientifici che oggi corrispondono a due tipi di piante simili ma non identiche al Aloe vera, come puoi vedere di seguito.

E le macchie bianche sulle foglie?

L'aloe vera è una succulenta che può avere macchie bianche

Immagine - Wikimedia / Praneethpjv

Le macchie o i punti bianchi che a volte hanno le foglie di aloe vera sono ciò che spesso ci porta a capofitto. Questo significa che un elemento con punti non è un? Aloe veraO se lo è, ma è un'altra varietà? Quello senza punti ha più proprietà o quello che li ha?

Bene, a tutte queste domande viene data una risposta: el Aloe vera Durante la sua giovinezza di solito ha i punti bianchi, ma quando invecchia smettono di averli. Le sue proprietà sono le stesse, perché sono la stessa pianta.

E che proprietà sono? Il seguente:

  • È un antisettico naturale
  • Idrata la pelle e i capelli
  • Ridurre la stitichezza
  • È antinfiammatorio

Potete utilizzarla localmente, in gel o creme, oppure se preferite bere acqua di aloe vera, che consigliamo di acquistare già preparata in quanto ha un sapore leggermente meno amaro.

Per maggiori informazioni, ti consigliamo di leggere questo articolo:

L'aloe vera è una pianta che produce ventose
Articolo correlato:
Come distinguere la vera Aloe vera?

Tipi di Aloe vera

Come abbiamo commentato, non ci sono diversi tipi di Aloe vera: solo uno. Ma vediamo quali sono alcune specie che possono essere confuse con essa:

  • Aloe arborescente: è una varietà arbustiva, che raggiunge un'altezza da 1 a 4 metri, e presenta foglie verde-glauche. I fiori sono spighe rosse. Vedi il file.
  • Aloe ciliare: L'aloe rampicante è una varietà che raggiunge i 10 metri di altezza. Ha foglie verdi e cresce a spirale. I suoi fiori sono arancioni. Vedi il file.
  • Aloe humilis: è una specie che cresce fino a 10 centimetri di altezza. Forma gruppi fino a 30 centimetri di diametro. Le sue foglie sono sottili, verdi e produce fiori rossi.
  • Aloe giovanile: è una varietà piccola, alta circa 5-7 centimetri, che produce foglie con macchie bianche su entrambi i lati e con margine giallo dentato.
  • Aloe maculata / Aloe saponaria: è una pianta che raggiunge un'altezza di circa 40 centimetri. Ha foglie verdi con puntini bianchi e i suoi fiori sono rossi. Vedi il file.
  • Aloe perfogliata: è un tipo di aloe che raggiunge i 75 centimetri di altezza. Cresce in gruppi di rosette costituiti da foglie verdi e margini seghettati. I suoi fiori sono rossi. Vedi il file.
  • aloe striata: L'aloe corallo è una pianta che ha foglie verde-bluastre, con semplici margini rosati. I fiori che produce sono di colore rosso corallo.
  • variegato all'aloe: è una varietà che raggiunge un'altezza massima di 30 centimetri, e presenta foglie carnose di colore verde scuro con striature bianche. I suoi fiori sono arancioni. Vedi il file.

Speriamo che ora tu possa identificare il Aloe vera facilmente. In caso di dubbio, Se ne hai l'opportunità, confronta la tua pianta con altre che ritieni simili ad essa e guarda i dettagli: dimensione, colore e forma della foglia, colore e forma dei fiori, portamento. Così, sarai in grado di distinguere l'aloe da altre specie di Aloe.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.